TRIBUNALE, IL SINDACO SCRIVE A SCOPELLITI

Tribunale, prosegue l’impegno del sindaco ANTONIOTTI e dei colleghi dei venti comuni ricadenti nella giurisdizione giudiziaria di Rossano contro la soppressione del Palazzo di Giustizia della Sibaritide. Nelle ultime ore il primo cittadino rossanese si è reso promotore dell’ennesima iniziativa, presso il presidente della Giunta regionale, On. Giuseppe SCOPELLITI. Affinché, nel solco dell’attenzione dimostrata all’annosa vertenza, il Governatore chieda, per conto dei sindaci, un incontro al Vice Premier, On. Angelino ALFANO, per poter illustrare le sacrosante ragioni del no ad una riforma della geografia giudiziaria, che in quest’area rappresenta uno schiaffo ai diritti di una popolazione di oltre 120mila abitanti. TESTO DELLA MISSIVA INOLTRATA DAL SINDACO ANTONIOTTI ALL’ON. SCOPELLITI Gentile Presidente, in riferimento all’annosa vicenda della soppressione del Tribunale di Rossano, i Sindaci dell’Area urbana Corigliano-Rossano e dei territori del basso Jonio cosentino, della Sila Greca e dell’Arberia, tutti ricadenti nella giurisdizione giudiziaria del Palazzo di Giustizia della Sibaritide, Le chiedono di continuare a rimanere vicino alle popolazioni di quest’area della Calabria che, ormai da mesi, stanno portando avanti la civile protesta contro la chiusura del Presidio. Lo stesso che, ricordiamo, rimane l’ultimo avamposto dello Stato in questa difficile terra, purtroppo afflitta dalla criminalità e carenze strutturali. La chiusura del Tribunale di Rossano rappresenta una vera e propria sciagura per questo territorio. Ecco perché dobbiamo continuare a chiedere e pretendere, attraverso il Suo sostegno, che venga redatto e firmato al più presto un correttivo al Decreto di rivisitazione della geografia giudiziaria italiana. Ma per far sì che ciò avvenga è necessario che questo territorio interloquisca direttamente con il Governo centrale, in modo da spiegare a chi ci amministra da Roma le ragioni di un comprensorio che è stato abbandonato dalle Istituzioni, su più fronti. Pertanto, Le chiediamo di provvedere a domandare udienza al Vice Premier, On. Angelino ALFANO, alla quale, insieme a Lei, potranno partecipare tutti i venti sindaci dei comuni ricadenti nella giurisdizione giudiziaria di Rossano. Confidando nel Suo buonsenso e alla vicinanza concreta, dimostrata nei fatti, alla battaglia di civiltà contro la soppressione del Tribunale, restiamo in attesa di riscontri. Deferenti ossequi. La missiva del primo cittadino Giuseppe ANTONIOTTI, inoltrata stamani (giovedì 10 ottobre), è stata firmata anche per nome e per conto dei diciannove sindaci del territorio giudiziario rossanese. – Fonte MONTESANTO Sas – Comunicazione & Lobbying)

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta