STRAFACI RISPONDE AD ARCURI

EREDITATI DEBITI PER OLTRE 1 MLN DI EURO STRAFACI RISPONDE AD ARCURI COMPLETARE IL RISANAMANTO RICHIEDE ANNI CARIATI (CS), Martedì 18 Maggio 2010 – BILANCIO e DEBITI. Le premesse usate dal consigliere di minoranza Antonio ARCURI sono mistificatorie. L’Esecutivo ha dato avvio ad un percorso di risanamento, anzi tutto riconoscendo i debiti fuori bilancio contratti dalle precedenti amministrazioni per più di 1 Milione di Euro. “La complessiva azione di risanamento – dice l’Assessore al Bilancio Domenico STRAFACI – non può dirsi completata, né si può pretendere che possa avere compimento nel giro di qualche anno. Per quanto riguarda la situazione economica cariatese, che ARCURI descrive come catastrofica ci preme rimarcare che, nonostante la contingenza della crisi generale, l’azione amministrativa è stata incisiva: dalla realizzazione delle diverse opere pubbliche alle attività di promozione del territorio, dal ripristino di vecchi servizi ai diversi concorsi banditi e che hanno prodotto occasioni di lavoro. Un dato su tutti, basti guardare al numero di strutture ricettive nate sul territorio comunale in questi anni e non prima. Se delle difficoltà finanziarie, oggettive, si riscontrano le cause non possono comunque essere addossate all’attuale Giunta. Per quanto riguarda, poi, le pretese inadempienze si ripete, per chi non vuol sentire o capire, che la Corte dei Conti ha posto in essere, specie negli ultimi anni, un controllo detto collaborativo, attraverso il quale si segnalano eventuali criticità e, allo stesso tempo, si suggeriscono gli interventi da porre in essere. – A Cariati – continua l’Assessore – è in via di approvazione il conto consuntivo 2009, così come per tanti altri comuni che, anzi, si trovano anche in ritardo rispetto alla discussione di altri tipi di documenti finanziari. Il termine del 30 Aprile non è perentorio, ma ordinativo. – Leggiamo con piacere, infine, della dichiarata disponibilità del consigliere ARCURI sull’argomento debiti. Egli, tuttavia, dovrebbe prima convincere i suoi amici dell’opposizione quanto meno a partecipare e, quindi, a votare responsabilmente per il riconoscimento. Come è noto, infatti, la minoranza, cui pure appartiene ARCURI, fino ad oggi ha sempre votato contro o non ha inteso partecipare ai lavori consiliari sul punto. La cosa – conclude STRAFACI – diventa ancora più stridente se si considera che quei debiti sono stati generati durante la passata gestione amministrativa. Ne vogliamo parlare? Eravamo e restiamo disponibili al confronto in merito”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta