Sono state sequestrate sul lungomare di Cariati quatto strutture balneari e 2.500 metri di spiaggia.

Sono state sequestrate sul lungomare di Cariati quatto strutture balneari e 2.500 metri di spiaggia dalla Guardia costiera di Corigliano Calabro, su mandato della Procura della Repubblica di Rossano. Il provvedimento é stato notificato ai responsabili nel corso di distinte operazioni e nell’ambito delle azioni coordinate dalle capitanerie di porto italiane, in base al protocollo “Mare sicuro 2013”. Tra le diverse strutture, cui i militari hanno apposto i sigilli, ci sono chioschi bar, stabilimenti con ombrelloni e sdraio, e perfino un’abitazione estiva. Secondo gli uomini della Guardia costiera i manufatti irregolari erano tutti realizzati entro i trecento metri dalla linea di battigia e sarebbero privi delle previste concessioni demaniali marittime rilasciate dal Comune e in qualche caso del permesso di costruire e delle autorizzazioni amministrative per la gestione. A seguito, delle operazioni sette persone sono state denunciate alla Procura di Rossano per la violazione delle norme del codice della navigazione, in materia di concessioni del demanio marittimo e del codice penale per il deturpamento delle bellezze naturali e paesaggistiche. La vicenda avrà di certo ripercussioni di un certo rilievo, vista anche la stagione estiva ancora in corso.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta