Sero rilancia una sua vecchia idea: la metropolitana leggera

CARIATI – Il sindaco Filippo Giovanni Sero condivide la proposta del neo eletto consigliere regionale Giuseppe Caputo il quale rilancia la vecchia proposta (pensata e sponsorizzata proprio dal primo cittadino cariatese il 14 febbraio di due anni fa, e fatta propria da tutti i sindaci della sibaritide) di riqualificare la rete ferroviaria jonica onde consentire a cittadini, turisti e visitatori di muoversi, naturalmente, sul territorio calabrese. “Nel condividere, nei metodi e nei contenuti, la proposta di Caputo – dice Sero – ribadiamo, come amministrazione comunale e come comunità ubicata a cavallo tra le due provincie di Crotone e Cosenza, attraversata dalla strada statale 106 e dai binari della rete ferroviaria, la necessità di porre rimedio ad un vuoto infrastrutturale mai colmato. La riqualificazione del servizio trasporto su rotaie e la valorizzazione dell’aeroporto “Sant’Anna” rappresentano, al momento, le uniche soluzioni possibili per lo sviluppo economico e turistico del territorio. Filippo Sero, fra i promotori dell’iniziativa, pensata per la prima volta, in tempi non sospetti, dall’assessore provinciale Leonardo Trento, riuscì ad ottenere l’assenso di tutte le amministrazioni civiche interessate che sposarono la causa con estremo interesse. Si tratterebbe, in sostanza, di usare la linea ferroviaria esistente, dotandola di convogli ad alta frequenza per consentire il sacrosanto diritto alla mobilità di una porzione di Calabria tagliata fuori dai grandi “corridoi” di comunicazione. L’obiettivo è anche quello di snellire il traffico su gomma. Ed ancora, è il caso di dirlo, decollerebbe finalmente la struttura aeroportuale di Crotone, finora sottostimata per numero di passeggeri e di voli. “Il privato – spiega Sero – deve essere considerato elemento fondamentale ed indispensabile della comune crescita economica territoriale, tanto che potrebbe essere presa in utile considerazione anche la proposta di decurtare, seppure in minima parte, il notevole contributo annuale (circa 65 milioni di Euro) destinato dalla Regione Calabria a Trenitalia per il servizio attuale di trasporto regionale su rotaia”. E poi bisogna considerare “la progressiva inefficienza accumulatasi in questi ultimi anni proprio sul trasporto ferroviario da e per la Calabria, quella ionica in particolare, determinata dal disimpegno della stessa Trenitalia, che causa disagi notevoli ed inaccettabili a residenti e turisti, lavoratori e famiglie, insomma cittadini contribuenti privati dell’esercizio normale del diritto costituzionale ed europeo alla mobilità”. Insomma, “l’attenzione manifestata sin da subito dal consigliere Caputo va salutata con particolare soddisfazione e stimola l’intera Sibaritide, comprese le istituzioni, i cittadini e le associazioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta