Scoperta “finestra” sotto lo Ionio che allontana Sicilia e Calabria

Nel parte profonda del Mar Ionio è stata individuato un sistema di spaccature profonde

calabria

Nel parte profonda del Mar Ionio è stata individuato un sistema di spaccature profonde. Una vera e propria “finestra” che spiega il lento allontanamento tra Sicilia e Calabria e l’alto rischio di terremoti nella zona.

A rivelarlo è stata una ricerca italiana, condotto da ricercatori dell’Istituto di scienze marine Ismar -Cnr di Bologna, dell’università di Parma, dell’Ingv e del Geomar (Germania) e pubblicato su Nature Communications.

Una ricerca particolarmente importante, perché spiega la ricercatrice del CNR Alina Polonia ha permesso di scoprire “un sistema di faglie diffuso, non lontano dalle coste, che ora può essere sorvegliato”.

Grazie a questa scoperta l’Arco Calabro, il sistema di subduzione tra Africa ed Europa nel Mar Ionio, ha un importante primato: è l’unica regione al mondo in cui sia stato descritto materiale del mantello in risalita dalla placca in subduzione.

Questa scoperta avrà importanti implicazioni per capire meglio come si formano le catene montuose e come questi processi siano legati ai forti terremoti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta