Sanità: Policastri, il capogruppo consiliare del partito democratico confonde la realtà.

Sanità: Policastri, il capogruppo consiliare del partito democratico confonde la realtà. Le pesanti affermazioni del segretario cittadino del partito democratico di Cariati, che ha espressamente accusato il consigliere regionale Giuseppe Caputo di approfittare della particolare situazione politica che si sta vivendo a Corigliano per porre in essere presunte azioni di ridimensionamento del locale presidio ospedaliero, hanno meritato, da parte nostra, una dura risposta ed una forte presa di posizione dirette a ristabilire la verità sul problema della riorganizzazione della sanità nel territorio. Il nostro intervento non è andato affatto nella direzione di impedire a qualcuno di esprimere il proprio dissenso verso la politica sanitaria regionale ma al contrario si è esclusivamente sviluppato nel solco di ricordare sia che l’impegno dell’on. Caputo è tutto indirizzato alla creazione di un nuovo modello di sanità territoriale responsabile ed efficiente sia, soprattutto, che l’accusa di utilizzare le “vicende coriglianesi” per tornaconti localistici e personali è assolutamente infondata oltre che miseramente strumentale e politicamente scorretta. Pur non conoscendo personalmente il nostro interlocutore di Cariati, ma questa non è una responsabilità che avrebbe dovuto impedirci di prendere posizione sulle sue dichiarazioni, abbiamo voluto, infatti, riaffermare la necessità di trovare soluzioni condivise ad un problema che dovrebbe unire il territorio anziché dividerlo sul piano istituzionale, politico e sociale, come purtroppo sta succedendo a causa delle sconsiderate affermazioni di qualcuno. Non comprendiamo, pertanto, la caduta di stile del capogruppo consiliare Aldo Algieri, che desideroso di intervenire anche su questo argomento, ci affibbia alcuni appellativi che testimoniano la pochezza delle argomentazioni del partito democratico coriglianese. Siamo, infatti, convinti che il livello del dibattito politico su una questione importante come il futuro della sanità nel nostro territorio, anche se caratterizzato da una forte diversità di vedute, debba comunque svolgersi nel rispetto delle posizioni altrui, senza scadere nelle offese gratuite. Ci sembra, pertanto, doveroso ricordare che il Piano di Rientro dal pesante debito sanitario è stato predisposto e definito dal governatore di centrosinistra Agazio Loiero alla luce di un’interlocuzione svoltasi, durante la precedente legislatura regionale, con il Governo nazionale. Le Istituzioni ed i territori, pertanto, si stanno confrontando con uno strumento normativo che, pensato e realizzato dal centrosinistra calabrese e dal partito democratico in particolare, prevede la riorganizzazione territoriale della sanità attraverso la riconversione e la riqualificazione di alcune strutture ospedaliere. Nello specifico, occorre evidenziare, inoltre, che grazie al lavoro dell’on. Caputo e dell’On. Dima ed in attesa della realizzazione del nuovo ospedale, il cui iter amministrativo è stato avviato grazie alla chiara volontà della nostra Amministrazione comunale, è previsto che si proceda nella direzione di un’unione funzionale degli ospedali di Corigliano e Rossano che metta in moto un’attività congiunta ed integrata dei servizi nell’ottica degli “ospedali riuniti” e quindi scevra da qualunque forma di preminenza e prevalenza di una realtà rispetto all’altra. Sugli altri presidi è prevista, invece, una riconversione ed una riorganizzazione, per come previsto da quel piano di rientro immaginato dal partito democratico. Su questa tema siamo disponibili al confronto con quanti hanno ragionevolmente a cuore il futuro della nostra sanità, avendo al tempo stesso certezza del fatto che siamo esclusivamente al servizio della verità nel rispetto delle altrui posizioni ed a differenza di chi polemizza strumentalmente.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta