RIFIUTI, PALUDI COMUNE PIÙ PENALIZZATO

RIFIUTI, PALUDI COMUNE PIÙ PENALIZZATO RICHIESTA NUOVA ORDINANZA AL COMMISSARIO CESARIO: ROSSANO E CORIGLIANO SVERSANO, NOI NO PALUDI, Martedì 28 Dicembre 2010 – Sequestro discarica Bucita, Paludi è il Comune più penalizzato dall’emergenza rifiuti in corso: solo 15 quintali di rifiuti solidi urbani prodotti giornalmente; a soli 7 km di distanza dalla discarica in questione; la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti sono gestiti con mezzi e personale comunale. È economicamente e logisticamente impossibile conferire presso il sito di Pianopoli. Sono, questi, alcuni dei punti della lettera che il Sindaco Antonio Aurelio CESARIO, ha inoltrato, questa mattina (Martedì 28), all’indirizzo del Commissario delegato per il superamento della situazione di emergenza nel settore dei rifiuti urbani. La richiesta: emettere una nuova ordinanza per consentire il conferimento degli RSU di Paludi presso la discarica di Bucita. “I Comuni più grandi come Rossano e Corigliano dotati di risorse economiche maggiori – si legge nella missiva – alla luce di quanto emerge dalle ordinanze, possono continuare a sversare i rifiuti solidi urbani nella suddetta discarica di Bucita. Il Comune di Paludi gestisce in proprio con un unico compattatore il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, conferendoli alla discarica di Bucita che dista appena 7 km da Paludi. Tutti gli altri comuni del circondario hanno affidato a ditte specializzate, dotate di mezzi e personale idonei per far fronte a qualsiasi emergenza. L’unico mezzo utilizzato (compattatore) – conclude il Sindaco – non risulta idoneo ad affrontare lunghe distanze. Il personale addetto risulta assunto a contratti a tempo parziale”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta