QUESTIONI APERTE,SINDACO CONVOCA 2 INCONTRI

QUESTIONI APERTE,SINDACO CONVOCA 2 INCONTRI TERRENI COMUNALI, DONNICI: DA QUESTIONE A RISORSA RIFIUTI,SALVATI:SERVE MASSIMA CONDIVISIONE CARIATI (Cs), Lunedì 3 Ottobre 2011 – Ospedale, terreni comunali e rifiuti, previsti diversi incontri sulle rispettive questioni. Si inizia, oggi, LUNEDÌ 3, con la riunione del comitato civico pro ospedale convocata dal Sindaco nei giorni scorsi. Si continua domani, MARTEDÌ 4. Il primo della giornata sarà dedicata alla questione dei terreni comunali ed previsto per le ore 17; l’altro, sulla questione rifiuti, alle ore 19, sempre a Palazzo Venneri.. TERRENI COMUNALI – La giunta, convocata dal Sindaco Filippo SERO, si riunirà domani, al Comune, insieme all’ufficio Tecnico e tecnici esterni per affrontare la questione. Nel frattempo si sta procedendo con la risoluzione del problema: l’ufficio preposto sta portando avanti le pratiche. L’atavica questione dei terreni comunali – dichiara Giuseppe DONNICI assessore all’urbanistica – può diventare un ulteriore elemento positivo, per l’ente e per il territorio. Una celere e condivisa soluzione, potrebbe infatti generare – aggiunge DONNICI – effetti positivi, anche e soprattutto sull’economia turistica. Insomma, da problema a risorsa. RIFIUTI – La questione è ormai territoriale. A tal fine, il Primo Cittadino Filippo SERO, ha indetto una riunione con tutti i consiglieri comunali, di maggioranza e di minoranza. L’obiettivo è risolvere, in condivisione. Vogliamo che le scelte da intraprendere – dice Sergio SALVATI assessore alle politiche ambientali – soprattutto sulla nuova organizzazione che stiamo preparando, siano il più possibile condivise, dai consiglieri e dalla cittadinanza. È importante – continua – avere per la differenziata, un’unica gara d’appalto con gli altri comuni. Partire dalla differenziata – conclude SALVATI – è l’obiettivo principale di questo esecutivo, per evitare eventuali emergenze future e, soprattutto, per salvaguardare l’ambiente.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta