Pressante Mozione del capogruppo UDC,Francesco Cosentino,all’intero Consiglio Comunale per venire incontro ai contribuenti cariatesi

Nella tarda mattinata del 5 dicembre scorso il capogruppo dell’UDC consiliare Francesco Cosentino ha protocollato, presso la sede consiliare di Palazzo Venneri, una pressante mozione, a tutela dei contribuenti cariatesi, indirizzata al Presidente del Consiglio, al sindaco di Cariati, al segretario comunale, al responsabile dell’area finanziaria, all’assessore al bilancio, al revisore dei conti e a tutti i consiglieri comunali, corredata da significative proposte da votare nel primo Consiglio Comunale. Il rappresentante dell’opposizione Francesco Cosentino, titolare, tra l’altro, di un avviato studio commerciale, nella mozione puntualizza che nella cittadina del Comune di Cariati è aumentata eccessivamente la pressione tributaria e fiscale; che i contribuenti ed i molti professionisti del settore fiscale e tributario, a causa della mancata approvazione in Consiglio Comunale dei deliberati riguardanti l’IMU alla data del 5 dicembre scorso, non conoscono con certezza le aliquote che vanno applicate per il calcolo dei tributi. L’esponente dell’UDC porta a conoscenza dei destinatari della mozione che “i proprietari di abitazione principale, complice il meccanismo di calcolo, potrebbero essere chiamati a pagare una quota IMU residua qualora la loro aliquota venga alzata rispetto al parametro standard del 4 per mille. Molti cittadini, prosegue l’esperto commercialista Francesco Cosentino, che non hanno mai pagato l’imposta, in quanto vivono in case di valore catastale medio-basso, potrebbero essere chiamati a corrispondere la “Mini IMU sulla prima abitazione. La suddetta Mini IMU, aggiunge Francesco Cosentino, oltre che sull’abitazione principale, andrà calcolata anche sulle relative pertinenze, nella misura di una pertinenza per ogni categoria catastale. Il caos sull’IMU si abbatte anche su molti altri contribuenti, proprietari di seconde case, affittate o a disposizione che sicuramente dovranno andare alla cassa per il saldo. Inoltre, ad avviso del consulente fiscale Francesco Cosentino rischiano, per quanto affermato in precedenza, di incorrere in ingiuste multe, comprensive di sanzioni ed interessi, non dovute a loro colpa. Nella mozione l’esponente del partito di Casini denuncia che i contribuenti cariatesi sono particolarmente disorientati perché vessati da tasse, imposte e tributi a livello nazionale e comunale e, per giunta, non hanno certezze nemmeno di quanto devono pagare. L’esperto commercialista asserisce, inoltre, che sarebbe socialmente indispensabile dare la possibilità ai cittadini di Cariati di potersi avvalere delle suddette agevolazioni e di non essere gravati, in futuro, del pagamento di sanzioni e di interessi sulle possibili differenze di calcolo sull’IMU 2013 e sulla Mini IMU-prima abitazione, non imputabile a loro colpa. E’ indifferibile permettere ai citadini di Cariati, suggerisce Francesco Cosentino, di poter usufruire delle agevolazioni IMU relative all’assimilazione ad abitazione principale dell’immobile dato in comodato ai familiari in linea retta di primo grado e degli immobili di soggetti ricoverati in casa di cura. Rivolgendosi direttamente ai destinatari della sua mozione Francesco Cosentino, quale capogruppo dell’UDC consiliare chiede espressamente: “che la Giunta Comunale e l’intero Consiglio Comunale prendano immediatamente e chiaramente posizione su quanto da lui esposto, evitando, il più possibile,disagi ai cittadini”. A conclusione della sua dettagliata mozione l’esponente del partito di Casini, il dr Francesco Cosentino, chiede “che non vengano applicate ai cittadini cariatesi sanzioni ed interessi, non imputabili a loro colpa, sulle possibili future differenze d’imposta relative al saldo IMU 2013 e riguardanti la cosiddetta Mini IMU sulla prima abitazione; che venga, inoltre, data la possibilità, ai cariatesi, di poter usufruire delle agevolazioni IMU relative all’assimilazione ad abitazione principale: a)dell’immobile dato in comodato gratuito ai familiari in linea retta di primo grado; b) degli immobili di soggetti ricoverati in casa di cura” . Infine Francesco Cosentino chiede che l’argomento della mozione venga inserito all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale per la conseguente discussione, votazione e deliberazione.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta