Plesso scolastico di Contrada Tramonti. La chiusura è provvisoria e non definitiva.

chiusura del plesso soltanto per il periodo strettamente necessario al completamento degli interventi

Scuole di Tramonti (CARIATI)

Giungono al Comune telefonate da parte di cittadini preoccupati del “destino” del plesso scolastico di Contrada Tramonti.

Qualcuno – evidentemente più interessato alla strumentalizzazione del problema che non alla sua soluzione – ha diffuso la “voce” che il plesso in questione, notoriamente chiuso in via d’urgenza per consentire le ulteriori misure di contenimento della processionaria, sarebbe invece stato chiuso in via definitiva. In proposito ci limitiamo a richiamare l’ordinanza sindacale emessa all’esito del sopralluogo del 26 febbraio u.s., che ha visto la partecipazione attiva anche dei rappresentanti dei genitori.

Con tale ordinanza si è espressamente disposta la chiusura del plesso soltanto per il periodo strettamente necessario al completamento degli interventi indicati nel verbale del predetto sopralluogo e cioè il taglio degli alberi colpiti dalla processionaria, l’aratura del livello di campagna all’interno del cortile, pertinenza del plesso, e la cementificazione dello stesso cortile nelle parti non interessate da aiuole per la piantumazione di alberi di genere diverso rispetto a quelli da abbattersi, non attaccabili dalla processionaria.

Interventi, complessi e articolati, che richiedono dei tempi non compatibili con l’ordinaria prosecuzione delle attività didattiche all’interno del plesso medesimo. Stiano tranquilli, dunque, i genitori e tutti gli utenti del plesso scolastico di Contrada Tramonti, non appena gli interventi necessari saranno completati l’edificio scolastico sarà rimesso a disposizione dell’Istituto Scolastico Comprensivo e degli utenti. Piuttosto non si può fare a meno di denunciare l’atteggiamento irresponsabile di chi – in tutta la vicenda – sembra aver colto l’occasione per speculare sugli inevitabili disagi che tante famiglie e tanti bambini affrontano e dovranno affrontare nelle prossime settimane, per scatenare la solita “bagarre” mediatica e il conseguente “allarme sociale”, nel quale alimentare incomprensioni e risentimenti.

Cariati, il 3 marzo 2016

Il Sindaco
Filippo Giovanni Sero

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta