NUOVO CIMITERO, SI SONO PERSI 5 ANNI

NUOVO CIMITERO, SI SONO PERSI 5 ANNI OGGI, SOTTO ELEZIONI, NON POSSIBILE ROSSANO HA BISOGNO DI UN GOVERNO SERIO ROSSANO, Venerd 21 Gennaio 2011 Dopo cinque anni di inerzia anche sul versante cimitero, a distanza di pochi mesi dalle elezioni, ci si accorge che si in emergenza e la si invoca per immaginare chiss quale soluzione rivoluzionaria che non potr mai esserci. Ecco, questo il metodo FILARETO e del centro sinistra che ha distrutto questa Citt e che ha strappato ai rossanesi la stessa voglia di credere in un progetto, complessivo, di sviluppo. Per anni non si parla di cimitero e delle sue eventuali problematiche ed emergenze. Il silenzio, anzi la latitanza istituzionale di Sindaco e assessori, su questaltro problema, viene interrotta soltanto in uno degli ultimi consigli comunali del 2010, a novembre, e nel modo pessimo, ma tipico di questa Giunta, e cio senza condivisione e senza alcuna seriet. Senza un progetto, senza alcun passaggio nelle competenti commissioni consiliari, senza neppure la condivisione della maggioranza, da parte di qualcuno si porta in consiglio lesigenza di costruire un nuovo cimitero, in contrada Piragineti. Tra laltro, si viene a sapere che un incarico, in merito, stato gi dato ad un professionista esterno. Ma la sconoscenza totale del problema e del progetto e la non condivisione soprattutto del metodo preferito, come sempre snobista isolazionista, arrogante e sconclusionato, porta a respingere, tra laltro con gli stessi voti contrari della maggioranza, la proposta di variazione di bilancio connessa allidea di realizzare un secondo cimitero. Lassestamento di bilancio proposto in quellassise consiliare prevedeva la somma di 800 mila euro per esproprio e realizzazione nuovo cimitero a Piragineti. Tranne qualche membro della giunta, allora come oggi, nessuno sapeva nulla della cosa. Quella proposta di assestamento di bilancio, di fatti, venne modificata, togliendo la cifra prevista. Bocciato in quella occasione, il misterioso intendimento riappare oggi, come se nulla fosse. Eppure, come noto a tutti, il buon governo del centro destra, in passato, aveva dedicato tempo e finanziamenti anche al cimitero: con ampliamenti, ristrutturazioni, nuove cappelle, nuovi viali, illuminazione e servizi. Negli ultimi cinque anni, cos come in qualsiasi altro settore di intervento, neppure sul cimitero, vi stata quellattenzione e quella lungimiranza sufficiente. Le problematiche del cimitero dovevano e devono essere oggetto di discussione prima, non oggi, allultimo minuto. E una questione, in ogni caso, che dovr affrontare, con tutto il tempo che servir, il prossimo Esecutivo che i rossanesi sceglieranno di qui a poco, cancellando la pessima parentesi FILARETO. Qualsiasi decisione, oggi, sarebbe affrettata e priva del necessario confronto con i consiglieri e con la societ civile. Realizzare un secondo cimitero comporterebbe oltre alle spese di esproprio dei terreni quella per il personale da adibire alla manutenzione, con intuibile aggravio di costi sulle casse comunali, creando tra laltro, nellopinione pubblica, disparit in merito alla scelta del sito, come se esistesse una struttura di serie A e una di serie B. Onde evitare tutto questo servir piuttosto immaginare una nuova pianificazione ed una ridistribuzione degli spazi attuali, intervenendo anche con nuove regole per la riconsegna degli spazi, e servir semmai pensare ad un ampliamento del sito attuale, laddove possibile. Ci che sicuramente non serve limprovvisazione, la superficialit, la fuga dal confronto e la fretta, sotto elezioni. A questo metodo di occupazione irresponsabile e scriteriata della cosa pubblica, il PDL si opporr fermamente ed in tutte le sedi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta