MARIO SERO: Cari componenti della maggioranza, il Comune di Cariati, è fallito da quando avete affidato alla SOGEFIL la riscossione dei tributi.

Il capogruppo dell’Unione Civica “Cariati nel Cuore” , Mario Sero, in un suo stringato comunicato respinge sdegnosamente “le risibili gratuite e farneticanti motivazioni che hanno spinto gli amministratori e i due consiglieri di maggioranza a dichiarare, nel consiglio comunale del 23 marzo scorso, che il Comune di Cariati sarebbe “fallito” per colpa delle precedenti amministrazioni e dei dipendenti apicali comunali che si sarebbero ammutinati, tanto da mandare in rovina economica l’Ente”. Pertanto, Mario Sero a tali grandi accuse non ci sta e rivolgendosi direttamente ai componenti della maggioranza afferma: “dopo aver invocato l’intervento del Prefetto, della Corte dei Conti, della Procura della Repubblica, per porre fine alla Vostra scandalosa gestione politica, farcita da continue illegalità. Mario Sero non si placa ma va direttamente alle vere motivazioni del dissesto affermando:” Cari componenti della maggioranza, il Comune di Cariati, è fallito da quando avete affidato alla SOGEFIL la riscossione dei tributi, con un buco di 8.000.000 di euro; quando avete assunto 11 nuovi dipendenti, nonostante la Regione Calabria si fosse impegnata a pagare gli stipendi agli LSU/LPU, per cinque anni, in ipotesi di stabilizzazione (ossia a costo zero per il Comune); perché avete speso 500.000,00 Euro in tarantelle; 24.000 Euro in banchetti e cenette e per aver affidato lavori pubblici, di somma urgenza e privi dei presupposti, senza ottenere ribassi in favore del Comune ed infine perché avete fatto aumentare tutti i servizi comunali, esempio: il costo della raccolta dei rifiuti è triplicato dal 2006 ad oggi”. Il consigliere di minoranza evidenzia,inoltre che dal 2006 ad oggi i residui passivi sono aumentati di venti volte tanto!!!”. Il peggio deve ancora avvenire, prosegue Mario Sero, perché se la procedura (il pre-dissesto) in atto dovesse essere accolta i cittadini cariatesi, purtroppo, dovranno pagare la Tarsu e l’acqua con un aumento del 300%. La lunga reprimenda del consigliere di minoranza Mario Sero si conclude “……continuiamo ad essere amministrati da sette irresponsabili!!!!”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta