Lite in un bar. 46enne accusato di porto abusivo d’arma e lesioni personali aggravate.

Nella giornata di ieri i Carabinieri di Bocchigliero (cs), hanno deferito in stato di libertà per lesioni personali e porto abusivo di arma da punta e taglio: r. v., 46enne del posto, celibe, ristoratore, con precedenti di polizia per reati contro la persona; poiché nella nottata del 03 novembre u.s., i militari intervenivano su disposizione della Centrale Operativa di Rossano all’interno di un bar di Bocchigliero, ove era stata segnalata una lite tra due persone. All’arrivo dei militari gli animi erano già sedati, ma la vicenda veniva immediatamente ricostruita dagli inquirenti. Il r.v. giunto in all’interno dell’esercizio commerciale intorno all’una di notte, iniziava un diverbio per futili motivi con un altro cliente s.b. 39novenne del posto. Subito dopo l’r.v. aggrediva fisicamente con calci e pugni il predetto cliente e ne nasceva una colluttazione tra i due, subito sedata dagli altri avventori e dal gestore del locale. Immediatamente dopo, il predetto aggressore usciva dal bar diretto verso la propria autovettura, parcheggiata nelle vicinanze e prelevava un coltello da cucina, dirigendosi all’interno del bar con fare minaccioso verso l’s.b.. Il r.v. veniva nuovamente fermato e disarmato dalle altre due persone presenti, ma nonostante ciò colpiva al capo il s.b. con uno sgabello. Dopo di che la lite terminava. La vittima soccorsa e trasporta presso il pronto soccorso dell’ospedale di Rossano, veniva riscontrata affetta da “trauma cranico e trauma alla mano destra e dimessa il giorno successivo con prognosi gg. 35 s.c.. I militari intervenuti pochi minuti dopo essere stati allertati recuperavano, ponendolo sotto sequestro, l’arma avente la lama lunga centimetri 22 e deferivano in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Castrovillari l’aggressore.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta