LIBRI: I due nuovi lavori di Giuseppe Riccardo Festa.

spaziare tra gli argomenti più svariati e' la sua caratteristica.

giuseppe-riccardo-festa-2015Lo avevamo già capito dagli articoli che pubblica, che il nostro collaboratore Giuseppe Riccardo Festa ama spaziare tra gli argomenti più svariati.

Lo dimostra ancora, casomai qualcuno ne dubitasse, pubblicando dopo Moorea, il romanzo di fantapolitica che già abbiamo avuto il piacere di presentare ai nostri lettori,  due libri di tutt’altro genere, che però, fra loro, qualcosa in comune ce l’hanno.

POESIA, MUSICA, LIBRI ED ALTRI VIZI è una raccolta di conferenze, che Giuseppe Riccardo ha tenuto nel corso degli anni qua e là per l’Italia, dedicate, lo dice il titolo, a “vizi” dai quali non riesce a staccarsi, anche perché non ha nessuna intenzione di farlo. È un volume di un certo peso (quasi 400 pagine), ma si legge senza fatica perché anche di queste cose all’autore piace parlare in modo piano, discorsivo e anche divertente. Tanto è vero che, fra gli argomenti che discute, ci sono anche la fantasia e l’umorismo; e come se non bastasse, in appendice ha pensato bene di inserire qualche sua creazione con la quale, ci ha detto, intende dimostrare che se parla, appunto, di fantasia e di umorismo, ha qualche titolo per farlo.

L’altro libro, E SCRIVO E SCRIVO E HO MOLTE ALTRE VIRTU’, è molto più snello. È anche questo una raccolta di scritti vari ed è interamente dedicato all’umorismo: ci potrete trovare i 21 sonetti cenobitici, che l’autore attribuisce a un misterioso frate medievale, scritti in perfetto italiano del Trecento e tutti, a giudicare dal primo verso, di argomento elevato e nobilissimo; ma l’apparenza inganna!

In questo secondo libro ci sono anche una dotta indagine sul… vaffan**lo, le istruzioni su come scrivere una perfetta canzone per il festival di Sanremo (che già l’anno scorso Giuseppe Riccardo ha pubblicato sul nostro giornale), una serissima (si fa per dire) indagine sull’importanza della… cacca nella storia dell’umanità, un poemetto in terzine dantesche un tantino sboccacciato ma esilarante e altre amenità. È importantissimo leggere le note a piè di pagina, che sono un complemento fondamentale dei testi e del divertimento.

Giuseppe Riccardo ha voluto dimostrare di credere molto, così ci ha detto, alla validità di un pensiero di Giacomo Leopardi che cita in apertura del libro: Nessun maggior segno d’essere poco filosofo e poco savio che volere savia e filosofica tutta la vita.

Secondo noi ha perfettamente ragione.

 

Entrambi i libri, come le altre opere pubblicate da Giuseppe Riccardo Festa, sono disponibili su Amazon:

 

https://www.amazon.it/dp/1540610322/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1481567135&sr=1-1&keywords=Giuseppe+Riccardo+Festa

 

https://www.amazon.it/scrivo-molte-altre-virt%C3%B9-meditazioni/dp/1540823571/ref=sr_1_2?s=books&ie=UTF8&qid=1481567135&sr=1-2&keywords=Giuseppe+Riccardo+Festa

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta