L’emergenza é alle nostre spalle e di questo possiamo essere tutti contenti.

Con l’arrivo del mese di agosto entriamo nel vivo della stagione estiva. Come tutte le località turistiche anche Cariati con il primo week-end del mese del solleone si popolerà di turisti. Molti di essi troveranno un paese sgombro dai cumuli di immondizia che a lungo hanno caratterizzato in negativo la stagione invernale, primaverile e l’inizio dell’estate. Ma per fortuna l’emergenza é alle nostre spalle e di questo possiamo essere tutti contenti. Sembra che il servizio di rimozione rifiuti ha ripreso e il ritiro sta avvenendo con puntualità e meticolosità. Pertanto, a parte la situazione degli ingombranti, anch’essa in via di risoluzione, tutto procede secondo l’accordo dell’amministrazione Sero con la ditta titolare dell’appalto. Mi preoccupano, però, questi giorni di agosto per via dell’indisciplinatezza delle persone, che una volta in vacanza pensano di poter fare ciò che meglio credono. Cosa sbagliata ancor più in un luogo dove si é ospiti. Molti cassonetti allocati sul territorio comunale sono stato ritirati, perché non più funzionali. Per giunta non sono stati sostituiti e non credo che ciò avverrà a breve. Insomma, permanendo tali condizioni si prevede che molti dei sacchetti saranno lasciati lungo la strada nelle vicinanze dei contenitori rimasti. Per evitare che le persone riversano rifiuti a tutte le ore del giorno, provo a dare un piccolo consiglio alla Giunta Sero. Oltre all’attento lavoro degli Agenti di Polizia Municipale che sorveglieranno il territorio sin dalle prime luci dell’alba, grazie al servizio dei motociclisti, serve dell’altro per invitare le persone al rispetto delle regole del buon vivere civile. Infatti, allo scopo preventivo sarebbe utile, durante i primi giorni di massima affluenza di turisti, far circolare un auto del Comune per le strade di Cariati, avvertendo i turisti con un messaggio che indichi gli orari, durante i quali é consentito tassativamente il deposito dei rifiuti, pena l’ammenda in caso di irregolarità. Con la collaborazione dei turisti si potrebbe evitare così la giacenza dei rifiuti lungo tutto l’arco della giornata, in modo da limitarla esclusivamente alle ore serali. La mia precauzione potrebbe apparire futile. Ritengo, invece, la raccomandazione ai turisti un qualcosa che rientra in quelle buone prassi di sana accoglienza che una località turistica deve prevedere, per migliorare la qualità del soggiorno di tutti i suoi ospiti. L’auspicio é che la circostanza non diventi lettera morta. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta