Le aggregazioni laicali diocesane ritornano a far visita al carcere ed ai detenuti che domenicalmente partecipano alla Celebrazione dell’Eucarestia

Nell’ambito di un progetto di ANIMAZIONE PASTORALE, DIOCESI-CARCERI le aggregazioni laicali diocesane ritornano a far visita al carcere ed ai detenuti che domenicalmente partecipano alla Celebrazione dell’Eucarestia. Il progetto avviato in Novembre scorso,coordinato dal Cappellano Don Piero Frizzarin, dal direttivo Consulta Diocesana Laici e Azione Cattolica, portato avanti insieme ad altre aggregazioni laicali ( Cis,Istituzione Teresiana, MCL, Unitalsi , Acli,Coltivatori Diretti,cif), con una presentazione del testo meditato del Vangelo di Matteo,realizzato dalle aggregazioni laicali nazionali,e dato in omaggio a Tutti gli ospiti della Casa circondariale e a tutti gli operatori della stessa. Domani II domenica del tempo di Natale, il progetto vede la presenza dell’Azione Cattolica che anima la celebrazione Eucaristica con un gruppo di circa 25 soci, tra esponenti di alcune parrocchie e responsabili diocesani, guidati dal presidente Antonio Romano e dall’assistente unitario Don Giovanni Sommario. Per l’occasione il settore adulti AC ha realizzato un documento dove viene tracciato un cammino formativo utile e da consegnare anche ai detenuti che vogliono condividerlo e che continuerà con corrispondenza o altri incontri. Esso percorso punta ad offrire una formazione personale attraverso la riflessione su alcune parole chiavi dell’anno associativo in corso:fiducia-perseveranza-fortezza-giustizia-misericordia, A CUI SONO LEGATE FIGURE EMINENTI e politiche a testimoniare un impegno sociale forte italiano ed Europeo: Alcide De Gasperi – Konrad Adenauer – Robert Schuman – Simon Veil – Jaques Delors. Anche le preghiere della celebrazione faranno riferimento a questo percorso. Nelle prossime domeniche si alterneranno le altre aggregazioni che animeranno,secondo la loro spiritualità, le altre celebrazioni. Un doveroso ringraziamento alla direzione del carcere ed agli operatori educativi e della sicurezza per queste opportunità di relazione tra istituzioni del territorio,e, agli amici ospiti della casa, per la positiva accoglienza delle iniziative. Igino Romano segretario Consulta diocesana Laici

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta