LA DIRIGENTE BRUNETTI A CASTROVILLARI INTERVIENE SU “LA BUONA SCUOLA”

La dirigente scolastica Maria Brunetti, è stata chiamata a Castrovillari a dare il suo qualificato contributo nel corso del seminario su “La Buona Scuola”. L’occasione ha costituito, per la dirigente dell’Istituto Comprensivo di Cariati, un importante momento culturale e di confronto fra le varie componenti del mondo della scuola. Il seminario formativo sulla riforma Renzi, tenutosi nella città del Pollino il 12 novembre scorso e moderato dal dirigente della locale scuola media, Fabio Grimaldi, è stato arricchito anche dalla partecipazione del direttore dell’Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza, Luciano Greco, degli ispettori Miur Francesco Fusca e Luigi Troccoli, della psicoterapeuta Mariagrazia Martire e della dirigente scolastica del 1° Circolo di Castrovillari, Carmen Iannuzzi. Nella sala polifunzionale della scuola media sono convenuti pure una rappresentanza di alunni, numerose famiglie, docenti, operatori della scuola, sindacati, enti e associazioni di volontariato, altri dirigenti scolastici del territorio. Le novità contenute nel documento del Governo sono state illustrate nei vari aspetti dai relatori e, durante i lavori, sono emersi, oltre i punti di forza, anche le criticità. La dirigente di Cariati, dopo aver relazionato sul tema della valutazione prevista dalla riforma Renzi, ha parlato della complessità delle scuole e delle difficoltà gestionali che i dirigenti scolastici degli odierni Istituti Comprensivi sono chiamati ad affrontare. “Pongo come esempio il difficile caso di Cariati, con 14 plessi scolastici, tre ordini di scuole e due Comuni – ha affermato tra l’altro la professoressa Brunetti – ma ne esistono anche di più complessi; unico, in Italia, è il caso di Castrovillari dove i genitori, ricorrendo al Tar – ha proseguito – hanno lottato perché le scuole cittadine non fossero sottodimensionate, appellandosi ai principi della libertà di scelta delle famiglie e dell’autonomia delle istituzioni scolastiche; a Castrovillari – ha concluso la dirigente – esistono ancora la scuola media e i circoli didattici”. Il seminario ha disegnato il nuovo scenario che vedrà ancora protagonista, per gli anni a venire, la scuola italiana: l’inclusione dei più deboli, la valorizzazione di tutto il personale, nonché, nell’era digitale, l’importante ruolo dei social network e delle nuove tecnologie nei processi di insegnamento e apprendimento. La buona scuola dovrà basarsi sulla valutazione e su una diversa organizzazione, andrà verso l’eliminazione del precariato con l’immissione in ruolo di centocinquantamila operatori e l’introduzione dell’organico funzionale, chiederà più competenze tecnologiche. Per questo, Cariati si è già attrezzata con l’introduzione di Lavagne Interattive Multimediali in tutte le classi dell’Istituto Comprensivo e con 36 tablet per i docenti, acquistati con i Fondi strutturali europei. Maria Scorpiniti F.S. Comunicazione d’Istituto

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta