interrogazione – rendiconto esercizio 2010.

Al Sig. Sindaco Del Comune di Cariati e. p. c. Al Presidente del Consiglio Comunale di Cariati e. p. c. All’Assessore al Bilancio de Comune di Cariati e. p. c. Al Revisore dei Conti del Comune di Cariati e. p. c. Al Dirigente dell’Area Finanziaria del Comune di Cariati e. p. c. Al Segretario Generale del Comune di Cariati Oggetto: interrogazione – rendiconto esercizio 2010. I sottoscritti Dott. Francesco Cosentino ed Avv. Mario Sero, nella loro qualità di Consiglieri Comunali e per ragioni del loro mandato; Premesso che il 30 aprile 2011 è scaduto il termine per l’approvazione del conto consuntivo esercizio 2010, come stabilito dagli artt. 151 e 227 del T.U. 267/2000 e s.m. e i.; che il mancato rispetto del suddetto termine è configurato dalla Corte dei Conti come “grave irregolarità contabile” e come sintomo di comportamenti difformi ad una “sana gestione finanziaria”; che la detta inadempienza può comportare, responsabilità di vario livello e diverse conseguenze negative per il Comune, quali tra le altre, la sospensione dell’ultima rata dei trasferimenti erariali, l’assoggettamento ai controlli erariali per gli enti strutturalmente deficitari, oltre alla estrema possibilità di far scattare il meccanismo dei poteri sostitutivi del Governo sul Comune previsti dall’art. 120 della Costituzione e dagli artt. 136 e 137 del T.U. 267/2000; che già in passato e anche per lo scorso esercizio la Corte dei Conti -. Sezione Regionale di Controllo – ha contestato al Comune di Cariati quale “grave irregolarità contabile” la mancata approvazione del rendiconto nei termini di legge (mai approvato nelle giuste scadenze a partire dall’anno 2006); che la diffida della Corte dei Conti al rispetto dei termini è rimasta e continua a rimanere inascoltata e “lettera morta” stante la cronica e persistente inadempienza del Comune; che il nostro Comune e caratterizzato da una continuità politico-amministrativa iniziata a partire dall’anno 2006 a tutt’oggi; che la situazione economico, finanziaria e contabile del Comune di Cariati, a parere degli scriventi, e da considerarsi alquanto preoccupante, oltre che per lo stesso Ente, anche e soprattutto per le pericolose conseguenze che essa ha innescato nel tessuto economico-imprenditoriale e sociale locale. Ciò, si avvalora, se si considera: la notevole esposizione debitoria e dei crediti non riscossi, la grave situazione di tesoreria, il riconoscimento di debiti fuori bilancio, la difficoltà nel controllo della spesa e la cronica situazione d’insolvenza dell’Ente. Tale ultima circostanza, tra l’altro, sta generando numerosi e cospicui decreti ingiuntivi, azioni esecutive e consequenziali pignoramenti presso terzi ai danni del nostro Comune; che dal 10/06/2011 risulta depositato presso l’Uff. ragioneria del Comune lo schema di Bilancio 2011, senza che allo stato risulti alcuna iniziativa in ordine alla presa visione ed all’approvazione del Rendiconto 2010, o di un suo eventuale schema di bilancio; che la mancata approvazione nei termini del Rendiconto 2010 (così come dei rendiconti degli anni passati) ostacola la valutazione dei livelli raggiunti in termini di legalità, efficacia, efficienza ed economicità dell’azione amministrativo-finanziaria svolta dall’Ente nell’anno di riferimento e potrebbe determinare, contestualmente alla nuova disciplina in tema di federalismo fiscale, previsioni di bilancio inattendibili e poco veritiere; che queste situazioni denotano comportamenti ostativi e poco rispettosi della funzione di controllo e del ruolo rivestito da parte di tutti i consiglieri comunali di Cariati. Interrogano V.S. per conoscere le ragioni di tale inadempienza e quali iniziative abbia intrapreso o intende intraprendere per ovviare a quanto esposto. Chiedono urgente risposta scritta ed in Consiglio Comunale. CARIATI, LI’ 23.06.2011 Mario Sero (capogruppo lista Civica Cariati Nel Cuore) Francesco Cosentino (capogruppo UDC-Cariati Nel Cuore)

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta