Importante Consiglio comunale disertato dalla maggioranza

Lo scorso 12 Febbraio i consiglieri di opposizione, de l’ALTERNATIVA: Salvati, Greco, Cosentino e Ciccopiedi, avevano protocollato al comune di Cariati richiesta per il consiglio comunale con all’ordine del giorno i seguenti punti: • Programmazione, organizzazione e gestione della prossima stagione estiva e turistica per l’anno 2016. Discussione e determinazioni;

• Costituzione della commissione consiliare speciale di studio in tema di turismo e di servizi indispensabili;

• Approvazione regolamento comunale “aiuto alle fasce deboli per il pagamento di tributi comunali con la forma del baratto amministrativo”.

Come consuetudine, il suddetto consiglio comunale si è tenuto con oltre venti giorni di ritardo, senza tenere conto della normativa vigente. Ma la cosa più grave, vista l’importanza dei punti alL’ O.d.G, non è tanto il ritardo della convocazione, al quale siamo ormai abituati, ma la gravissima assenza della maggioranza (ex Partito Socialista) con a capo il Sindaco Sero. Infatti, nell’aula consiliare erano presenti solo il segretario comunale, il presidente del consiglio e, naturalmente, i suddetti consiglieri di opposizione.

L’aula era stavolta gremita di cittadini, movimenti, associazioni, e una numerosa delegazione dell’Ass. Commercianti Cariati, tutti intervenuti per sentire come e cosa il nostro attuale Sindaco, con la sua giunta, avrebbe messo in atto per poter garantire i servizi essenziali in una stagione estiva che inizierà proprio con l’avvicendarsi della nuova amministrazione.

Ancora una volta i nostri amministratori non perdono occasione di manifestare il loro totale disinteresse, non solo per l’istituzione del consiglio, in quanto organo democratico di governo, ma soprattutto per i cittadini di Cariati e per le problematiche che riguardano il loro vivere quotidiano. Ovviamente il loro interesse al momento è maggiormente rivolto all’accaparramento dei voti, alle promesse riguardanti la legittimazione dei terreni comunali, l’assegnazione delle case popolari, la gara d’appalto per il ristorante del porto, il mercato ittico, il piano spiaggia e tutte le altre carte da potersi giocare in campagna elettorale, utilizzando la macchina amministrativa sempre e solo come una proprietà privata, una società per azioni da salvaguardare a favore solo di pochi e non nell’interesse di tutti.

E’ proprio questa la mancanza d’ascolto che tutti lamentano e che sta facendo muovere realmente le coscienze dei cittadini cariatesi, che vogliono dire basta a questo modo di fare, che vogliono cambiare, vogliono vivere meglio il loro bellissimo, ma martoriato paese. E’ semplicemente vergognoso che chi amministra non si interessi affatto delle difficoltà che tutti: cittadini, commercianti, imprenditori, dovranno affrontare durante la prossima estate.

Non è importante e legittimo, forse, sapere se, come e quando verranno pulite le spiagge? Sapere perché le strade non sono state ancora bitumate, nonostante la disponibilità per questi lavori, di 400.000,00 euro nelle casse comunali? Conoscere come si affronterà l’emergenza rifiuti? Se avremo acqua a sufficienza e se questa sarà potabile? Se i lampioni caduti verranno sostituiti? Se il lungomare e il Centro Storico verranno illuminati
decentemente? Se finalmente il Cimitero avrà il suo custode? Non era dunque doveroso da parte della maggioranza Sero essere presente in consiglio e dare tutte queste risposte ai propri cittadini? Si, questo sarebbe stato il loro dovere e non fare presenza ad un convegno politico della grande ammucchiata “costruita” appositamente per le prossime elezioni comunali e maldestramente (o volutamente?) organizzato in concomitanza del Consiglio comunale.
Ai cittadini che lamentano questo ormai consolidato modo di fare e che sono stanchi di una classe politica distaccata e assente, chiediamo di trarre ancora una volta le dovute conclusioni. E’ arrivato il momento di cambiare, di dire basta, ora bisogna scegliere responsabilmente l’ALTERNATIVA.

L’ALTERNATIVA

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta