Il segretario PD di Cariati, preoccupato del pericolo incombente sull’apertura della discarica di Scala Coeli.

Il Circolo PD di Cariati, ancora una volta, si trova a raccogliere il malumore dei cittadini del territorio del Basso Jonio Cosentino, terrorizzati dal pericolo incombente dell’apertura della discarica di Scala Coeli. Com’è arcinoto l’ubicazione della discarica (laddove insistono colture di qualità), l’accesso disagevole, il non rispetto del progetto, delle pendenze, delle prescrizioni AIA, della distanza dalle aste fluviali, hanno sollevato gravi dubbi di opportunità nelle comunità confinanti con l’agro di Scala Coeli. Dopo anni e anni di commissariamento e dopo cinque anni di fallimenti del Governatore G. Sopelliti, la gestione dei rifiuti in Calabria necessita di un’urgente e irrimandabile attenzione politica. Nella fattispecie, il Circolo PD di Cariati pone, ancora una volta, all’attenzione del partito regionale e della federazione provinciale, una questione che rischia di diventare molto critica per la periferia cosentina. Dopo la vicinanza politica manifestata nella scorsa estate con le celebrazioni della Festa Provinciale dell’Unità, svoltesi proprio qui a Cariati, il territorio, i cittadini, l’elettorato si aspettano segnali di continuità rispetto agli impegni che come Partito abbiamo preso rispetto a temi fondamentali che dalla questioni rifiuti vanno fino ai drammi sanità, mobilità, giustizia. Nella fattispecie, per quanto riguarda la questione rifiuti, l’auspicio del territorio rimane il cambio di rotta rispetto alle politiche adottate dai passati governi regionali. L’obbiettivo Rifiuti Zero deve diventare un orizzonte possibile, come già dimostrato anche da amministratori del nostro partito, in altre zone d’Italia. In questa prospettiva, l’apertura di nuove discariche rappresenterebbe reiterare una gestione disastrosa, con effetti altamente critici per un territorio già troppo, troppo, mortificato! Circolo PD – Cariati (Cs)

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta