Il comune di Cariati verso il dissesto?

Il presidente del consiglio Cataldo Minò ha convocato l’assise comunale, nella giornata del 21 marzo 2013 con cinque punti all’ordine del giorno. L’argomento principale della prossima seduta s’incentra principalmente nella delibera di adesione alla procedura di riequilibro finanziario pluriennale ai sensi dell’art. 243BIS del TUEL e successive modificazioni e integrazioni. Data l’importanza che rivestirà la seduta, la sala consiliare ritornerà ad essere gremita sino all’inverosimile, data l’importanza delle argomentazioni. Sulla problematica abbiamo voluto sentire il capogruppo dell’UDC Francesco Cosentino. “Quello che sino ad oggi noi consiglieri della minoranza, abbiamo sostenuto, a chiare lettere e a gran voce, afferma Francesco Cosentino, viene messo, sebbene con notevole ritardo, in atto da parte della maggioranza. Praticamente, prosegue Francesco Cosentino, l’ordine del giorno conferma, in maniera incontrovertibile, che il bilancio del Comune di Cariati non è affatto equilibrato e che nel contempo l’Ente trovasi in pieno ed avanzato stato di dissesto economico e finanziario. Agli occhi dei cittadini appare strano, prosegue Francesco Cosentino, che tale atto deliberativo venga portato all’attenzione del consiglio comunale con un notevole ritardo e, guarda caso, solo ed esclusivamente a seguito della sentenza del Consiglio di Stato, che ha dato ragione ad un ricorso formulato dai rappresentanti della minoranza. L’inerzia nel riconoscere la gravità della disastrata situazione finanziaria da parte dello stesso esecutivo Filippo Sero, ha provocato e continuerà a provocare notevoli danni economici ed erariali al nostro comune. Devo riconoscere, conclude il capogruppo dell’UDC Francesco Cosentino, che gli unici a pagarne le conseguenze saranno, ancora una volta, i cittadini cariatesi con le proprie tasche a causa del conseguente aumento di tutti i tributi comunali, il tutto, purtroppo senza avere nella cittadina i relativi servizi essenziali.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta