I BENEFICI DELL’ACQUAGYM. Scheda curata dal prof. Ignazio Russo, per il corso di aquagym che terrà dall’1 al 31 agosto 2011 nelle acque antistante Contrada Tramonti,

I BENEFICI DELL’ACQUAGYM Scheda curata dal prof. Ignazio Russo, per il corso di aquagym che terrà dall’1 al 31 agosto 2011 nelle acque antistante Contrada Tramonti, La moderna acquagym trae le sue origini e le sue motivazioni dall’idroterapia. E’ nata negli anni ottanta, del secolo scorso, come terapia riabilitativa per infortuni articolari; poi si è diffusa, negli anni novanta, come forma di ginnastica propedeutica all’allenamento sportivo o semplicemente ricreativo. E’ una disciplina molto giovane che si sta diffondendo sempre di più, non solo nei circoli sportivi, ma anche nei villaggi turistici, sulle spiagge attrezzate e sulle navi da crociera. Le piscine, oltre il mare, sono state riscoperte, oramai da diversi anni, anche come ottima sede dove praticare questa particolare ginnastica di gruppo, adatta a tutte le età, divertente e molto benefica per la salute. La tecnica Per la maggior parte della gente comune acquagym è sinonimo d’estate e di blandi esercizi di ginnastica al mare o in piscina, con il sole splendente. E’ considerata la versione subacquea della ginnastica aerobica. In realtà si tratta di una vera e propria disciplina sportiva e ricreativa, ma anche un mezzo estetico, terapeutico e riabilitativo che si pratica, con profitto, lungo tutto l’arco dell’anno. L’acquagym è muoversi in acqua, in piscina o in mare. Si pratica mezz’ora al giorno, stando immersi nell’acqua fino alla vita ed oltre tenendo, come posizione di partenza, le gambe divaricate per tonificare, in poco tempo cosce, glutei, seno, braccia e addome. Poiché gli esercizi sono compiuti in assenza di gravità, si riduce il carico sul rachide, sulle articolazioni e non si avverte molto la stanchezza. Gli esercizi che si fanno in piscina o in mare sono gli stessi di quelli svolti a terra, però a velocità ridotta, perché è maggiore l’attrito del corpo con l’acqua e quindi risultano più efficaci. L’acqua, quindi, è il vero attrezzo di questa pratica, perchè produce una resistenza ad ogni movimento maggiore, di oltre dieci volte, di quella creata dall’aria, per cui eseguire un esercizio in acqua, equivale a farne almeno una decina a terra. Inoltre questa disciplina permette di sperimentare nuovi esercizi, mai provati prima, perché protegge dalle cadute, impedisce o ammortizza i movimenti bruschi. I benefici Questa specialità sportiva ha il vantaggio di non esercitare sforzi nei confronti delle giunture delle caviglie, delle ginocchia e delle anche e di aiutare, notevolmente, chi ha subito traumi a riacquistare una buona forma fisica. Ne consegue che l’acquagym è una disciplina sportiva utilissima a tutti, ad ogni età e senza nessuna preclusione, perché sviluppa la forza, ma senza incorrere nell’ipertrofia muscolare. Offre la possibilità di combattere il sovrappeso, soprattutto grazie all’effetto idromassaggio, indotto dagli spostamenti della massa liquida durante i movimenti di ginnastica, che tende a snellire e modellare il corpo, eliminando i gonfiori e rassodando i tessuti. Offre enormi benefici tonificando i muscoli, dando vigore al cuore ed ai polmoni, aiutando a combattere la stanchezza e lo stress da studio o da lavoro. E’ efficace, infine, per una disintossicazione dell’organismo e per acquisire una pelle morbida idratata e senza smagliature. Si tratta di un impegno quasi esclusivamente aerobico, nel quale sono coinvolti tutti i gruppi muscolari. L’acqua aiuta ad essere più sciolti e coordinati ed è l’ambiente in cui, per natura, ognuno si sente a proprio agio. La spinta ascensionale libera le articolazioni dal peso del corpo, così che il movimento si svolge più liberamente. Il galleggiamento, quindi, aiuta l’equilibrio e rende possibili tutti quei movimenti aerobici che in palestra sembrano irrealizzabili. Il fresco impedisce che la sudorazione e l’affanno limitino le prestazioni fisiche e contribuisce a temprare il corpo, proteggendolo da malattie da raffreddamento. La fluidità dell’acqua permette anche di sentire diversamente il corpo, liberandolo da ogni forma di ansia, di repressione e perfino di paura. I movimenti diventano più morbidi ed elastici: dalla rotazione del bacino all’allungamento degli arti. Questa disciplina consente di ottenere un fisico tonico ed atletico, un aumento della resistenza, un incremento della capacità aerobica, un aumento dell’elasticità muscolare, un modellamento estetico del corpo ed una maggiore irrorazione sanguigna della pelle. Inoltre, la pressione che l’acqua esercita sul corpo, comporta vantaggi simili a quelli prodotti dal massaggio manuale che facilita il ritorno venoso della circolazione sanguigna e lo scambio metabolico nei tessuti. Il movimento eseguito, quasi in assenza di gravità, allenta le tensioni muscolari e tendinee e favorisce un rilassamento prima fisico e poi psichico.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta