GIOVEDÍ 7 “FINALE DI PARTITA” DI BECKETT PENULTIMO SPETTACOLO DELLA 2°STAGIONE OPERA PIÚ SIGNIFICATIVA DRAMMATURGO IRLANDESE

GIOVEDÍ 7 “FINALE DI PARTITA” DI BECKETT PENULTIMO SPETTACOLO DELLA 2°STAGIONE OPERA PIÚ SIGNIFICATIVA DRAMMATURGO IRLANDESE CARIATI, Martedì 5 Aprile 2011 – Penultimo spettacolo per il Cinema Teatro comunale. Sta per chiudersi la 2° stagione teatrale cariatese, iniziata tre mesi fa sotto i buoni auspici di una prima che ha riscosso applausi e successo. Un programma di qualità quello di quest’anno, alternato da commedie spassose, ma anche da altre più impegnative e attuali con la società odierna. Il Prossimo appuntamento sarà GIOVEDÍ 7 alle ORE 21.30 con “Finale di Partita” di Samuel BECKETT regia di Massimo CASTRI. L’opera vincitore di numerosi premi tra i quali, Premio speciale Ubu 2006, Premio nazionale della critica 2006, Premio della giuria al 47° Festival Internazionale Mess di Sarajevo 2007, è in un solo atto, scritta originariamente in francese e il suo titolo originale è “Fin de partie”. Secondo quella che era la sua abitudine, fu tradotta in inglese da BECKETT stesso come Endgame. L’opera è stata pubblicata nel 1957 ed è comunemente considerata uno dei lavori più significativi del drammaturgo irlandese. I protagonisti rappresentati da Vittorio FRANCESCHINI, Milutin DAPCEVIC, Diana HOBEL, Antonio Giuseppe PELIGRA sono Hamm, un anziano signore cieco ed incapace di reggersi in piedi, ed il suo servo Clov, che al contrario non è capace di sedersi. Trascinano la loro esistenza in una casetta in riva al mare, nonostante i dialoghi suggeriscano che in realtà all’esterno della casa non esista più nulla, né mare, né sole, né nuvole. I due personaggi, dipendenti l’uno dall’altro, hanno passato anni a litigare e continuano a farlo durante lo svolgimento dell’opera. Clov vorrebbe continuamente andarsene, ma non sembra esserne capace. In scena sono presenti anche i due vecchissimi genitori di Hamm, Nagg e Nell, che sono privi di gambe e vivono in dei bidoni della spazzatura situati in primo piano a sinistra. Il titolo è ispirato al modo in cui viene chiamata l’ultima parte di una partita a scacchi, quando sulla scacchiera non sono rimasti che pochissimi pezzi. BECKETT era famoso per essere un appassionato di questo gioco ed il rifiuto di Hamm di accettare la fine imminente può essere paragonato a quello dei giocatori dilettanti che continuano a giocare non accorgendosi dell’inevitabile sconfitta, mentre i professionisti, di fronte ad una chiara situazione di svantaggio, sono soliti arrendersi abbandonando la partita. Si può dire che Hamm rappresenti il re e Clov l’ultimo pedone rimasto. La rappresentazione è una sinfonia di mosse e contromosse, botte e risposte, pause, riflessioni, sospiri, rinunce. In questo Finale di partita il capolavoro di Beckett è visto attraverso le possibilità di movimento di due pedine da scacchi e la tensione e la partecipazione dei due giocatori.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta