EVENTO COMMEMORATIVO A DIECI ANNI DALLA SCOMPARSA DI EUGENIO DI DIO

SI E’ TENUTO PRESSO LA CHIESA DI CRISTO RE OGGI POMERIGGIO L’EVENTO COMMEMORATIVO A DIECI ANNI DALLA SCOMPARSA DI EUGENIO DI DIO IL RAGAZZO DI CARIATI CHE MORENDO HA DONATO BEN 11 ORGANI.

IN UNA CORNICE AFFOLLATA DOPO LA S. MESSA CONCELEBRATA DA DON MOSE’ E PADRE PASQUALE PITARI CAPPELLANO DELL’OSPEDALE PUGLIESE-CIACCIO DI CATANZARO, CHE CON LA SUA OMELIA HA SAPUTO COME SEMPRE TOCCARE I CUORI E LE COSCENZE DEI PRESENTI, COSI COME QUANTO INVIATO DA MONS SATRIANO VESCOVO Cariati-Rossano, CHE HA ANCHE POI VOLUTO PERSONALMENTE SENTIRE LA MAMMA DI EUGENIO ESSENDO PER MOTIVI ISTITUZIONALI FUORI SEDE, LA D.SSA SCIARROTTA CARMELA PRESIDENTE DELLA SEZIONE LOCALE DI RADICI HA APERTO IL CONVEGNO SALUTANDO E RINGRAZIANDO I PRESENTI LE ASSOCIAZIONI E LE AUTORITA PRESENTI INVITANDOLI AD UN SALUTO, DOPO AVER VISTO UN VIDEO CHE GLI AMICI DI EUGENIO HANNO  VOLUTO REALIZZARE PER RICORDARE A LORO MODO IL GIOVANE SCOMPARSO.

HA  APERTO, QUALE RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE DELLA ASP, IL DOTT. CARLO CIMINO CHE HA RICORDANDO I SUOI TRASCORSI QUALE DIRIGENTE MEDICO PROPRIO A CARIATI, HA RIBADITO L’IMPEGNO DELL’AZIENDA SANITARIA A INCORAGGIARE LA CULTURA DELLA DONAZIONE DEGLI ORGANI.

GLI HA FATTO SEGUITO L’ASSESSORE DEL COMUNE D.SSA CICCOPIEDI MARIA ELENA CHE HA PORTATO I SALUTI DEL SINDACO, ASSENTE PER MOTIVI ISTITUZIONALI, E IL SOSTEGNO DELL’ATTUALE AMMINISTRAZIONE A QUESTA ENCOMIABILE INIZIATIVA CHE HA RISVOLTI NEL SOCIALE. ERANO PRESENTI ANCHE IL VICESINDACO DR. SERGIO SALVATI E L’ASSESSORE GRECO PINO.

ANCHE LA PRESIDENTE, MARIA GALATI, DEL CIF CENTRO ITALIANO FEMMINILE CHE INSIEME ALL’ASSOCIAZIONE RADICI HA REALIZZATO L’EVENTO, HA PORTATO IL SALUTO E L’IMPEGNO DEL LA SEZIONE DI CARIATI.

FULCRO DELLA SERATA E’ STATO L’INTERVENTO DEL DOTT. MANCINI PELLEGRINO RESPONSABILE REGIONALE DEL CENTRO TRAPIANTI IL QUALE HA EVIDENZIATO IL RITARDO DELLA NOSTRA REGIONE NELLA DISPONIBILITA’ A DONARE ORGANI, LA SEMPRE RICORRENTE NECESSITA’ A RICORRERE AD ALTRE REGIONI E LA NECESSITA’ QUINDI DI MOLTIPLICARE GLI SFORZI NEL CONVINCIMENTO A DONARE E NEL PROPORRE SEMPRE PIU’ SPESSO INIZIATIVE COME QUESTE CHE DIVULGANO E DIFFONDONO LA NECESSITA’ DI STERNARE LA VOLONTA’ ALLA DONAZIONE

SULLA POSSIBILITA’ DI DARE IL CONSENSO ALLA DONAZIONE, OLTRE CHE ORA NEGLI SPORTELLI COMUNALI, PRESSO L’A.S.P. HA RESO NOTO ENZO LABONIA, DEL SERVIZIO TRAPIANTO AZIENDALE, SEMPRE PARTECIPE NELL’ORGANIZZAZIONE DI QUESTE RICORRENZE, HA RICORDATO LE DIFFICOLTA’ E LE DIFFIDENZE CHE QUOTIDIANAMNETE INCONTRA E SOLLECITANDO INCONTRI E EVENTI CHE COME QUESTO CHIARISCONO E RENDONO SEMPLICI LE NORME CHE REGOLANO LA VOLONTA’  DI DONARE ORGANI.

E’ INTERVENUTA, A TESTIMONIANZA DELLA BONTA’ DI EUGENIO, L’INSEGNANTE RACHELE RUSSO, CHE HA AVUTO TRA I BANCHI DELLA SUA CLASSE PER 5 ANNI, EUGENIO DA PICCOLO .

MOLTO APPREZZATO E STATO L’INTERVENTO DEL  DOTT. FRANCO MILILLO, CONSIGLIERE COMUNALE CON DELEGA ALLE POLITICHE SOCIALI. IL SUO INTERVENTO HA RIPERCORSO LE CRITICITA’ DELLA SITUAZIONE SULLE DONAZIONI IN ITALIA E IN CALABRIA, E CHE LA VIA DA PERCORRERE E’ LUNGA MA MOLTO SI POTRA’ OTTENERE SOPRATTUTTO ATTRAVERSO IL COINVOLGIMENTO SEMPRE MAGGIORE DELLA POPOLAZIONE CON EVENTI E CAMPAGNE PROMOZIONALI DIVULGATIVE MIRATE.

MOLTO TOCCANTE ALLA FINE E STATO IL MOMENTO DELLA LETTURA DI UNA POESIA SCRITTA PER L’EVENTO DALLA SCRITTRICE GALLELLO FRANCESCA PRESIDENTE INTERNAZIONALE DI RADICI. NEI VERSI SI COGLIEVA IL DOLORE MA SOPRATTUTTO LA SPERANZA CHE NASCE DALLA DISPERAZIONE DEL MOMENTO.

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta