Dura requisitoria del capogruppo dell’UDC consiliare comunale,Francesco cosentino,relativamente all’attività della giunta Filippo Sero.

L’ultimo Consiglio Comunale di Cariati, nel quale sono stati approvati, tra gli altri punti,il Bilancio di previsione 2013 e quello Pluriennale 2013/2015, è oggetto di una disamina realistica ma pesantemente critica da parte del capogruppo consiliare dell’UDC, dr. Francesco Cosentino, particolarmente esperto in materia finanziaria, quale titolare di uno studio di consulenza tributaria. Francesco Cosentino nel tacciare gli amministratori comunali di “dis-amministrare l’Ente Comunale” ne evidenzia, nel contempo, le continue “figuracce politico-amministrative”; definendo “bigotto” oltre che “totalmente fallimentare” il loro modo di amministrare.” Gli attuali consiglieri comunali di maggioranza, a guida Filippo Sero, nessuno escluso, afferma il rappresentante del partito di Casini, rimangono incollati alla poltrona, calpestando le reali esigenze di una intera cittadina, alla quale impediscono il progresso, lo sviluppo, l’erogazione dei minimi servizi essenziali ed il completamento di tante opere pubbliche indispensabili alla crescita della cittadina di Cariati”. Nel suo articolato ed incalzante je accuse, Francesco Cosentino evidenzia, a chiare lettere, il regalo di Natale che gli attuali amministratori comunali di Cariati hanno fatto ai malcapitati cariatesi ”bocciando e votando, in modo vergognoso, il suo emendamento/mozione, con il quale proponeva, nel rispetto della normativa vigente“ di dare la possibilità ai cariatesi di poter usufruire delle agevolazioni IMU, relative all’assimilazione ad abitazione principale dell’immobile dato in comodato gratuito ai familiari in linea retta di primo grado ”Grazie, però, all’attento e tempestivo controllo degli atti da parte del capogruppo consiliare dell’UDC, Francesco Cosentino, e con il contributo dei gruppi dell’opposizione, si è impedito che la maggioranza consiliare, a guida Filippo Sero, aumentasse al massimo le aliquote IMU. Infatti, Francesco Cosentino, nel corso del dibattito, ha fatto rilevare che tale eventualità, qualora si fosse verificata, avrebbe configurato l’approvazione di atti deliberativi totalmente inapplicabili, perché in contrasto con quanto disposto dall’art.8 del D:L: 102/2013. Quest’ultimo, prosegue il consigliere Francesco Cosentino, stabilisce che le deliberazioni di approvazione delle aliquote (da effettuarsi entro il 30 novembre 2013) acquistano efficacia a decorrere dalla data di pubblicazione nel sito web istituzionale del Comune, cioè entro e non oltre il 9 dicembre 2013. Pertanto, per il calcolo dell’IMU relativa al 2013, grazie agli interventi di Francesco Cosentino e degli altri gruppi della minoranza, l’Amministrazione Comunale cariatese è stata costretta ad applicare le aliquote e gli atti adottati per il 2012, replicando, quindi, la somma pagata come acconto a giugno 2013. ”A tal proposito il capogruppo dell’UDC, Francesco Cosentino si pone l’interrogativo: “Come sia possibile che una Giunta Comunale e dei Consiglieri di maggioranza commettano degli errori amministrativi così “grossolani” che, tra l’altro, incidono pesantemente e negativamente sulle tasche dei cittadini di Cariati?”. Concludiamo il servizio con un’amara considerazione. Dobbiamo, purtroppo, amaramente constatare che ciò che non è avvenuto a Cariati per mera negligenza degli amministratori si è positivamente verificato nel Comune di Campana. Infatti, l’Amministrazione Comunale, a guida Pasquale Manfredi, del vicino centro montano ha in Consiglio Comunale equiparato, alla prima casa, anche quelle abitazioni concesse dai genitori ai propri figli in comodato d’uso gratuito. L’analisi cruda ma puntualmente precisa ed obiettiva per quanto si sta verificando nella cittadina di Cariati, espressa dal consigliere di minoranza, Francesco Cosentino, avrà un seguito il 27 dicembre.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta