DISCARICA ABUSIVA NELL’ALVEO DEL FIUME NETO. INTERVIENE LA CAPITANERIA DI PORTO

 

Risale a questa mattina l’operazione di polizia giudiziaria condotta dagli uomini della Capitaneria di porto di Crotone nei pressi dell’alveo del fiume Neto, in località Setteporte del comune di Rocca di Neto.

I militari, proprio nel letto del fiume, hanno rinvenuto considerevoli quantità di rifiuti speciali pericolosi e non di varia natura, tra cui numerose lastre di cemento-amianto, l’ormai tristemente famoso eternit.

L’intera area, di millecinquecento (1.500) metri quadrati, è stata posta sotto sequestro.

L’operazione rientra nelle ordinarie attività finalizzate a prevenire e reprimere il deturpamento ambientale nelle aree sottoposte a vincolo idraulico e paesaggistico ambientale.

I reati, dal getto pericoloso di cose, distruzione e deturpamento di bellezze naturali, realizzazione di discarica abusiva, così come contemplati dal Codice Penale e dal codice dell’Ambiente, sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria di Crotone.

La Capitaneria di porto interesserà il comune di Rocca di Neto, l’Autorità di Bacino regionale e la Provincia di Crotone affinché, mediante l’intervento di ditte specializzate al trasporto e trattamento di rifiuti speciali, si possa ripulire l’area e provvedere così al ripristino ambientale.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta