Da Crucoli a Trebisacce, la cronaca di un territorio DERUBATO DEL DIRITTO ALLA SALUTE!

Da Crucoli a Trebisacce, la cronaca di un territorio DERUBATO DEL DIRITTO ALLA SALUTE! pubblicata da  il giorno lunedì 21 maggio 2012 alle ore 16.21 · Una donna di 65 anni,  ieri, durante la processione della Madonna di Manipuglia, a Crucoli (a circa 15 km di distanza dall’ex H V. Cosentino di CARIATI!!), è stata colta da un improvviso malore e sì è accasciata a terra colpita, come si saprà dopo, da un arresto cardiaco. Sul posto sono presenti dei medici che tentano invano di evitare il peggio,nel frattempo qualcuno ha chiamato l’elisoccorso del 118. All’arrivo, però, l’elicottero non riesce per diversi minuti ad individuare una zona su cui atterare e così il vento creato dalle pale fa letteralmente volare bancarelle e quant’altro. Qualcuno cade a terra, diversi commercianti hanno dovuto far ricorso a cure mediche.    Sabato, invece, è stato l’Alto Jonio Cosentino protagonista in negativo della cronaca. Riportiamo di seguito l’articolo di Pino la Rocca che fa emergere, oltre ai drammatici eventi, quanto anche in quella zona sia devastante  del piano di rientro sanitario regionale che, nella Sibaritide ha imposto la chiusura dell’H Chidichimo di Trebisacce e del Vittorio Cosentino di Cariati, sottoponendo così per effetto domino a una perenne situazione di emergenza gli operatori del nosocomio di Rossano e Corigliano.   Alto Jonio, giornata drammatica per il 118. Tre interventi d’emergenza. Donna muore d’infarto Giornata drammatica, quella vissuta oggi (sabato) dai sanitari del 118 di Trebisacce, conclusasi con il bilancio di un morto, di un ferito grave e di un ricovero che, se fosse stato operativo il “Chidichimo”, forse avrebbe potuto avere un bilancio meno funesto. In realtà non si è trattato di un solo incidente ma di tre diversi episodi che l’unica èquipe del 118 ha dovuto gestire, correndo da un capo all’altro del territorio dell’ex Asl di Rossano. I fatti: intorno alle 12.15, mentre l’ambulanza si accingeva a trasportare una paziente colta da pancreatite acuta dal “Chidichimo” all’ospedale di Corigliano, arriva la chiamata per un incidente di moto verificatosi sul Lungomare di Trebisacce. A questo punto il 118, dando la precedenza all’incidente, scarica la paziente e corre sul Lungomare in soccorso del centauro V. R. 46 anni, di Trebisacce che, a bordo di una moto di grossa cilindrata, trovatasi all’improvviso la strada sbarrata da un furgone che effettuava una manovra di inversione, non ha fatto in tempo a frenare ed è andato a sbattere violentemente contro il mezzo che aveva occupato tutta la carreggiata.   Per fortuna il centauro indossava il casco e la sua velocità non era esagerata. Nonostante questo le sue condizioni, seppure non gravi, erano abbastanza serie:necessario quindi il suo trasferimento all’ospedale di Rossano per trauma facciale e vari altri traumi agli arti. Da qui, secondo notizie attinte nel pomeriggio, il giovane è stato trasferito all’ospedale civile di Cosenza. Le sue condizioni sono serie ma per fortuna non gravi. Ma verso le 13.15, mentre l’ambulanza era ancora a Rossano, ecco arrivare al 118 una chiamata con “codice rosso” da Rocca Imperiale, distante da Rossano oltre 80 Km: una signora di Trebisacce, R.M.C., 57 anni, mentre era al lavoro presso un’azienda agricola, viene colta da infarto acuto. A questo punto l’ambulanza, a sirena spiegata e a tutta velocità, corre verso Rocca Imperiale impiegando circa 45 minuti. Risultato: è troppo tardi, la donna è già morta ed ai sanitari non resta che constatarne il decesso. Ogni commento a questo punto è superfluo: ormai nell’Alto Jonio la vita delle persone è appesa a un filo molto sottile! (Pino La Rocca) – fonte: http://www.paese24.it/3372/primo-piano/alto-jonio-giornata-drammatica-per-il-118-tre-interventi-demergenza-donna-muore-dinfarto.html   Lo ripetiamo con forza: è necessario rimettere la questione sanità al centro, ne va delle nostre vite! Movimento Le Lampare Cariati  

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta