CULTURA, CALIGIURI CONLUDE GIORNATA DELLA MEMORIA PER L’ECCIDIO DEI VALDESI A GUARDIA PIEMONTESE

Domani 5 giugno 2013 l’Assessore Regionale alla Cultura Mario Caligiuri parteciperà a Guardia Piemontese alla VI Edizione della Giornata della Memoria per l’eccidio dei Valdesi avvenuta il 5 giugno del 1561. Il tema della giornata sarà “Non è lecito dimenticare, non è lecito tacere. Se taceremo, chi parlerà?”. Dalle 16, nella sala del Consiglio comunale, sono previsti i saluti del sindaco di Guardia Piemontese Vincenzo Rocchetti, del dirigente scolastico dell’istituto comprensivo G. Cistaro di Guardia Piemontese Leopoldo Di Pasqua, del docente di facoltà di Lettere all’Unical Paolo Coen, del docente di Storia moderna della stessa università Fausto Cozzetto, dell’Imam della Comunità islamica di Cosenza Ahmed Berraou e del teologo della facoltà valdese di Roma Paolo Ricca. Le conclusioni sono affidare all’assessore Caligiuri. “Non può esistere un popolo senza memoria – afferma Caligiuri -e ricordare la strage dei valdesi in Calabria ci aiuta a non dimenticare le tristi pagine che hanno segnato il massacro di una comunità e la persecuzione di una fede religiosa”. Il programma si dispiegherà fin dal mattino, dalle 10, presso il Museo Multimediale di Guardia Piemontese con una mostra fotografica sul tema “Racconto di una persecuzione”. Alle 18, in piazza Pietro Valdo, si terrà una mostra tematica curata dagli alunni dell’Istituto Cistaro. Alle19, in piazza Chiesa Valdese, sarà depositata la corona alla “Roccia di Val Pellice”, cui farà seguito la celebrazione del Culto Valdese. La serata si concluderà con canti e balli occitani. “Questa giornata vuole essere una celebrazione per tutta la comunità – spiega il sindaco Rocchetti – volta a trasmettere alle nuove generazioni un’emblematica pagina di storia che appartiene alla comunità guardiola, ma anche a tutta la nazione, per ricordare il violento e crudele eccidio perpetrato per il solo fatto di aver voluto professare la fede valdese”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta