Comunicato Stampa Opposizione Consiliare Caloveto

“Cari cittadini in questo mese di agosto infuocato, dove i nostri boschi e tutta la nostra Calabria brucia per mano di folli incendiari rendendo l’aria irrespirabile, registriamo l’ennesimo passaggio che l’amministrazione Comunale di Caloveto con Delibera di giunta n. 55 del 30 luglio 2021 ha fatto il passo decisivo verso la realizzazione di quella che già in passato abbiamo chiamato “la delibera della vergogna”. Finalmente, viene raggiunto l’obiettivo che era alla base della Lista che ha vinto le scorse elezioni: cioè la trasformazione del contratto di due vigili urbani da part-time a tempo pieno (da 18 a 30 ore lavorative settimanali). L’avevamo detto nella campagna elettorale, che questo era il loro obiettivo, e la realtà ci ha dato ragione. Ci saranno molte cose da dire e da fare, ma intanto come opposizione dobbiamo rilevare immediatamente quanto segue:

 

1) Il Comune di Caloveto accetta ora le stesse richieste alle quali per anni si era opposto: tanto è vero che accetta incredibilmente di interrompere il procedimento in atto presso la Corte di Cassazione.

 

Sorgono allora alcune domande semplici e spontanee:

 

  1. Perché quelle richieste sono diventate accettabili mentre prima non lo erano? Lo stesso sindaco che aveva firmato il ricorso in Cassazione ora firma la delibera con cui dà ai vigili quello che chiedono. Cosa è cambiato nel frattempo, se non appunto l’accordo elettorale che lo ha fatto rieleggere?

 

  1. Perché non far concludere un procedimento che quasi sicuramente si sarebbe risolto a favore dell’amministrazione? A questo proposito, vogliamo leggere tutto il parere fornito dall’Avvocato Dettori, richiamato nella delibera, per sapere qual era davvero lo stato della causa. Faremo quindi immediatamente la richiesta di accesso agli atti per conoscere lo stato della questione e informarne i cittadini.

 

  1. Come giustificare di fronte ai calovetesi — e anche di fronte alla Corte dei Conti — i soldi spesi fino ad ora per sostenere le spese legali? Ci sono tutti gli estremi per rilevare un danno erariale.

 

2) Il Comune di Caloveto sostiene che è diventato necessario incrementare le ore dei vigili urbani per ragioni legate alla politica dell’ordine pubblico e della sicurezza. Anche qui, alcune semplici domande:

 

  1. Da dove risulta questa necessità? In particolare, ci piacerebbe leggere qualche rapporto, o almeno qualche dato, dai quali risulta che tre vigili attualmente a regime di part-time sono insufficienti per le necessità della nostra amministrazione? Davvero la Giunta pensa che i cittadini di Caloveto (che vedono tutto anche se non parlano) possano accettare una simile presa in giro?

 

3) Questa delibera denuncia nella sua stessa forma un enorme conflitto di interessi.

 

  1. I due dipendenti beneficiari sono, come a tutti noto, fratello del vicensindaco e moglie di uno dei consiglieri di maggioranza.

 

  1. Che sia una delibera molto “a rischio” lo si capisce dal fatto che, a differenza di tutte le altre volte, il responsabile del procedimento non ha ritenuto di prendervi parte, lasciando al sostituto appositamente nominato (l’attuale responsabile dell’ufficio tecnico) il compito di controfirmarla.

 

4) Questa delibera fa capire ai calovetesi che i molti aumenti delle tasse decisi negli ultimi due anni non sarebbero stati necessari se le ingenti risorse che ora vengono impiegate per raddoppiare lo stipendio dei vigili venissero usate per il bene della collettività. C’è un evidente legame diretto tra questi aumenti e la decisione appena presa sui vigili: paghiamo più tasse (e ne pagheremo sempre di più) perché il Comune ha bisogno di più soldi per supportare le sue scelte a favore di alcuni.

 

Prendiamo atto, dunque, che l’amministrazione continua a perseguire una sua politica che converte l’interesse pubblico di tutti i cittadini verso quello privato soltanto di alcuni soggetti.

 

I cittadini di Caloveto sapranno tenerne conto.

 

Caloveto, 16 agosto 2021

 

I Consiglieri di Opposizione 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta