CIMITERO,DIPENDENTI LATITANTI? CI PENSA IL SINDACO

CARIATI (Cs), Venerdì 27 Dicembre 2013 – Cimitero cittadino in totale stato di abbandono. Ma il personale dipendente, gli Lsu e gli Lpu che fanno? In attesa di ricevere risposte dai dirigente Comunali, il Sindaco si rimbocca le maniche, prende scopa e paletta e va a pulire il camposanto insieme ai volontari. Questi i fatti. Lo scorso sabato 21, il Primo Cittadino è stato avvisato telefonicamente, da alcuni cittadini, dello stato di degrado ed abbandono cui versava l’area cimiteriale. Questi, tra le altre cose, hanno chiesto espressamente di procedere personalmente alla pulizia, visto il servizio interrotto da qualche tempo. Domenica 22, lo stesso Sindaco, insieme ai cittadini si è recato sul posto e oltre ad aver constatato l’indecente situazione, ha partecipato alle operazioni di pulizia insieme ai volontari. Tali gravi episodi – ha scritto SERO – denunciano in maniera oggettiva uno stato di abbandono dei servizi dovuto non già alla crisi finanziaria o alla mancanza di risorse adeguate, ma ancor prima al menefreghismo ed alle irresponsabilità di alcuni dipendenti che per convenzione sono impiegati presso il Comune. Accompagnato – continua – per lo più da un diffuso senso d’impunità, magari supportata da pretestuosi certificati medici esibiti alla bisogna. Tutto ciò – va avanti il Sindaco nella missiva – non può essere ulteriormente tollerato dai dirigenti che, hanno il preciso dovere di organizzare al meglio i servizi inerenti le aree e con il pieno impiego delle risorse umane a qualsiasi titolo disponibili. Il sindaco Filippo SERO, infine, chiede agli stessi dirigenti di far sapere quali dipendenti sono in grado di svolgere le mansioni per i quali sono stati assunti, utili e necessari per l’Ente. Laddove si dovessero verificare situazioni di sostanziale utilizzo, si dovrà procedere alla messa in mobilità dei soggetti interessati. Come per legge. – (Fonte: MONTESANTO SAS – Comunicazione & Lobbying).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta