CHIESA TRAMONTI,LA POSA DELLA PRIMA PIETRA

CHIESA TRAMONTI,LA POSA DELLA PRIMA PIETRA – LA BENEDIZIONE DEL VESCOVO MARCIANÓ – SERO: PRESIDIO IMPORTANTE PER COESIONE SOCIALE CARIATI (Cs), Lunedì 9 Gennaio 2012 – Realizzazione della nuova Chiesa in località Tramonti, ieri (8 gennaio) la posa della prima Pietra. Numerosa è stata la folla di cittadini che hanno preso parte alla funzione. Importante la presenza del Vescovo Mons. Santo MARCIANÓ della diocesi Rossano-Cariati, che, dopo la benedizione, ha simbolicamente posato la prima pietra. Tra gli altri, erano presenti anche il parroco della chiesa Cristo Re Don Mosè CARIATI, il Sindaco Filippo SERO e l’assessore alla comunicazione istituzionale Sergio SALVATI. Un progetto che il comitato dei parrocchiani di Cristo Re inseguiva dal 1995. Abbiamo avuto la possibilità –ha detto SERO– di poter dare il nostro contributo all’edificazione di questa chiesa. Al di là dei convincimenti personali, rimane un presidio indispensabile, non solo per la coesione all’interno della comunità nella quale i sentimenti non devono essere esclusi, ma anche, per l’importante attività di azione sociale, indispensabile soprattutto in questo momento. Riteniamo di aver interpretato pienamente –ha continuato il sindaco– anche i sentimenti dell’intera cittadinanza. Siamo soddisfatti –ha concluso– di aver potuto dare un contributo fattivo. Ora rimane da portare avanti questo progetto, e per quanto rientra nelle nostre possibilità, non faremo mancare il nostro aiuto. Grande e significativo è stato l’impegno del Comitato pro-Tramonti che, nei mesi passati, ha sempre organizzato feste e sagre con lo scopo di racimolare fondi per la costruzione della Chiesa per la Madonna di Lourdes. Dunque, per gli abitanti della frazione situata a sud della cittadina, ma anche per i tanti vacanzieri che affollano i villaggi turistici della zona nel periodo estivo, si sta realizzando un sogno. Un edificio religioso, capiente e funzionale, in grado di dare risposte adeguate alle numerose famiglie residenti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta