Caseificio Cosentino “l’arte casearia” da oltre 60 anni

Continua il nostro viaggio per le eccellenze imprenditoriali sul territorio cariatese

antonio cosentino nicola campoli 16-7-2016Continua il nostro appassionato viaggio tra le eccellenze imprenditoriali presenti sul territorio di Cariati e dintorni. Spaccati di piccole e medie aziende che costituiscono l’ossatura di una micro economia locale, che ancora oggi resiste e che merita l’opportuna rilevanza.
Abbiamo visitato in questi giorni il Caseificio Cosentino sito da diversi anni lungo la SS 106, di fronte all’ingresso dell’Ospedale. Un’attività fondata negli anni sessanta dal capostipite Rocco e che adesso vede al suo vertice il dinamico Antonio.
azienda caseificio cosentino Assistere alle fasi di trasformazione del latte in formaggio e altri prodotti similari, conoscere la storia non solo del caseificio Cosentino, ma anche dell’antica arte casearia e di alcuni prodotti tipici del luogo, che formano la cultura agro-alimentare locale, rappresenta qualcosa di unico nel suo genere.
La complessità produttiva e l’intrigante manualità a servizio della stessa, rispecchiano la passione del titolare e dei suoi più stretti collaboratori. Un’ambiente familiare che si spera vedrà la sua continuità nelle future generazioni, che è anche sinonimo per riuscire a guardare avanti, nonostante momenti non facili che riserva la radicata crisi che accompagna il Paese da diversi anni.
cosentino antonio cosentino rocco 16-7-2016Si resta al termine dell’articolato viaggio piacevolmente stupiti di aver visto con i propri occhi l’affascinante, naturale reticolo produttivo e scoperto la straordinaria complicità tra fattori, quanto il latte e l’innovativa tecnologia, che creano straordinari prodotti che arrivano sulle nostre tavole con caratteristiche ancora uniche, immutate e legate indissolubilmente alla terra e alla cultura locale.
Nella gamma dei prodotti più rinomati e conosciuti da lungo tempo del Caseificio Cosentino abbiamo il burrino, il caciocavallo, la scamorza, il cacioduia, il caciosalame e non per ultimi la deliziosa ricotta e la provola affumicata riconosciuta per i suoi odori e allettanti sapori.
provoleLa varietà dell’offerta rispecchia materie prime di qualità ben scelte e provenienti dal territorio circostante. Nel corso del tempo, la selezione si è arricchita di sapori e consistenze ancorate sempre più alla tradizione e alla tipicità dell’area.
La bontà dei prodotti e la storia aziendale testimoniano scelte fatte fin dall’inizio, in nome di una alta qualità costante sotto ogni punto di vista. L’impegno quotidiano del Caseificio Cosentino è di regalare emozioni dei sapori, cercando di mantenere intatto il valore dell’antica tradizione casearia.
punto vendita cosentino antonio cariati 16-7-2016Nel pomeriggio di venerdì 22 luglio Antonio, il titolare del Caseificio Cosentino, ha inteso organizzare un momento di degustazione che vedrà come assortimento oltre ai suoi prodotti, i vini Senatore e i salumi Levoni. Un momento di piacevole convivialitá che si ripeterà nelle prossime settimane in modo più arricchito.
Non resta che pensare, quanto prima, anche con il supporto delle autorità comunali e regionali, che si possa ipotizzare un progetto che si fondi sul “cammino dei sapori”.
Un viaggio che accompagni i turisti, e perché no i locali, lungo la ricerca e la conoscenza dei saperi e sapori locali, che tengono ancora in vita le antiche tradizioni di un tempo passato, per fortuna non dimenticate.
DSC09296Un modo naturale per migliorare attraverso processi di formazione le capacità degli imprenditori in termini di accoglienza turistica e produzione, nonché rafforzare il dialogo tra produttori e istituzioni pubbliche. Importante sarebbe fare rete con altre aziende d’eccellenza locali, per raccontare di un territorio ricco di tante realtà imprenditoriali di valore che lavorano bene ancora di più quando si impegnano a promozionare l’area in cui operano.
Del resto, il comparto dei prodotti tipici contribuisce in maniera rilevante alla crescita di un territorio sia in termini di sviluppo, sia in termini di valorizzazione dello stesso. Allo stesso modo, il recupero e la valorizzazione delle produzioni tipiche diviene uno strumento indispensabile per incentivare un approccio maggiormente imprenditoriale e orientato al marketing turistico, attuando contestualmente un’azione di salvaguardia attiva del territorio e del paesaggio circostante.
Nicola Campoli
Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta