CARIATI UNITA REPLICA A CAMPOLI

Abbiamo letto quanto pubblicato oggi sulle pagine di CariatiNet dal dott. Nicola Campoli relativamente ad un esplicito “appello ai consiglieri di minoranza di proporre un progetto fattivo, unitamente a uno studio di fattibilità, su come risolvere i due problemi principali, che limitano il rilancio di Cariati, quelli del rifacimento ex novo della rete fognaria e idrica”.
Ciò al fine di “avanzare proposte coraggiose della minoranza, vista la miopia che caratterizza al momento la maggioranza”.
Il dott. Campoli, convinto sostenitore della lista dell’Alternativa per ben 2 elezioni comunali, evidentemente disconosce quanto proposto nel merito delle tematiche da lui evidenziate dal nostro movimento in sede di campagna elettorale del 2018.
Infatti, la risoluzione dei problemi idrico e fognario erano punti fondamentali del nostro programma elettorale che sono stati ampiamente illustrati nel merito sia dal nostro candidato a sindaco Leonardo Trento che da diversi consiglieri comunali.
Evidentemente il dott. Campoli non ha seguito la nostra campagna elettorale ed ha scelto da che parte schierarsi non sui programmi o sulle idee che venivano messe in campo ma, purtroppo come spesso accade, sul fascino e sulla bellezza dei candidati della lista dell’Alternativa.
Ciò ci rammarica profondamente, anche perché considerato quanto scrive da anni il dott. Campoli sui fatti della nostra comunità, avremmo auspicato da parte Sua un approccio diverso nello scegliere i propri rappresenti del comune a cui dice di tenere così tanto.
Così come auspichiamo da parte del dott. Campoli una presa di posizione chiara e non di parte su quanto sta accadendo nella nostra comunità e sui disastri che la DISamministrazione iGreco sta combinando. Evidentemente, per il dott. Campoli è più agevole restare nel limbo, dove sta a seguito del pseudo pentimento, e teorizzare sul nulla che denunciare e prendere posizione su ciò che realmente accade a Cariati.
Questo giustificherebbe, forse, una Sua presenza nel dibattito cariatese.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta