CARIATI UNITA: Il sindaco, con le nomine e le deleghe, premia e rafforza il cerchio magico

Succede a Cariati n.5

“Parturient montes, nascetur ridiculus mus”

A soli 2 giorni dalle dimissioni dell’intera giunta comunale e dopo aver incassato il voto sul bilancio squilibrato e farlocco del comune di Cariati, il Sindaco, di ritorno dall’ennesimo esilio forzato di questi anni, rinomina la stessa giunta e “punisce” solo ed esclusivamente la signora Apa, individuata, evidentemente, come unica responsabile della totale incapacità politica ed amministrativa messa in campo in questi due anni dall’Alternativa.

Il sindaco, con le nomine e le deleghe, premia e rafforza il cerchio magico sodale all’azienda ed esclude i Consiglieri Nigro Imperiale e, soprattutto, l’ex vice sindaco Cicciù, che pure ieri in consiglio comunale aveva ribadito pieno sostegno alla maggioranza.

Pur di restare al potere e continuare a mantenere pennacchi e postazioni, il sindaco e l’azienda hanno blindato una maggioranza che lo ricordiamo, negli ultimi mesi era stata in forte sofferenza proprio per i ripetuti mal di pancia di qualche consigliere che oggi, grazie alla politica della spartogna, ha trovato un comodissimo posto al sole.

L’azienda, il sindaco, il cerchio magico possono finalmente stare tranquilli! Tutto, secondo loro è al posto giusto e le poltrone sono ben salde per continuare a mantenere i tanto ambiti pennacchi.

Il tutto mentre Cariati affonda per la manifesta e acclarata incapacità di questa maggioranza.

Povera Cariati e poveri Cariatesi, tutti evasori (per come detto dal tuttologo-tuttofare Salvati nell’ultimo consiglio comunale), immersa nell’immondizia e nella fogna, con le spiagge sporche, senza servizi, senza politiche sociali, senza programmazione, senza futuro.

Una Cariati che assiste impotente (e silente) a tale arroganza, a tale sfacciataggine, a tale incapacità.

Ci vorrebbero davvero tante, ma tante, belle “mascherine”.

Ma si sa alla vergogna non c’è limite!

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta