Cariati: una maggioranza che si assottiglia. Fuori la politica da Palazzo Venneri

Cosa augurarsi per Cariati in quest’anno che sta per entrare?

Siamo arrivati alle ultime ore del 2021. Ho assistito da remoto ai lavori del Consiglio comunale di ieri e ho guardato l’intervista di fine anno che il Sindaco Greco ha rilasciato al direttore di cariatiNet.it, il caro amico Cataldo Formaro. 

Entrambi i video non mi hanno sinceramente entusiasmato sul piano del contenuto e dell’amalgama. La consapevolezza che ne traggo è quella di una maggioranza che continua ad assottigliarsi e che si mostra sempre più stanca e sfilacciata, in vista della scadenza naturale della consiliatura, prevista per la tarda primavera del 2023.

Cosa augurarsi per Cariati in quest’anno che sta per entrare? Di sicuro, che un senso di responsabilità, forte e incisivo, pervada gli amministratori pubblici in carica, perché non si perda assolutamente il treno del Pnrr. 

Un’occasione che non tornerà mai più per l’Italia e per i singoli Comuni. Servono idee e progettualità. Bisogna fare rete con gli altri territori per cogliere l’opportunità unica nel suo genere. 

In più, una riflessione che si lega a quanto appena sottolineato. Il 2022 non si trasformi in un anno elettorale. Laddove il Sindaco Greco decidesse di non candidarsi nel 2023 lo dichiarasse subito, in modo da sgombrare il campo da ogni inutile e deleteria strumentalizzazione. 

Si dedichi, quindi, a Cariati per i prossimi 15 mesi, provando a realizzare quanto si era promesso di fare nel suo programma elettorale, come anche lei stesso ha affermato nell’intervista. 

Quindi la politica resti fuori dal Municipio, lasciando il posto solo al “fare” quotidiano nell’interesse generale dei cariatesi e della comunità. La mia forse è un’idea troppo semplice per i già complicati ragionamenti politici che si sentono in giro. 

E, allora, sarebbe il caso che l’Io, sinonimo di responsabilità individuale, e il Noi, emblema dell’agire collettivo, camminino sempre insieme. Il terreno cariatese si presenta molto fertile. Buon 2022 a chi, come quanto chi scrive, è convinto che questo non sia per niente un sogno, ma solo un possibile percorso. 

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta