CARIATI: SERATA ALLEGRA NELLE CORSIE DELL’OSPEDALE

Fonte: “IL CROTONESE” – 8 novembre 2012 pag.25) Una serata “allegra” per i pazienti del Centro di Assistenza Primaria territoriale dell’ex ospedale “Cosentino”. Organizzata a Cariati, nei giorni scorsi, dall’associazione Volontari Ospedalieri e animata dai balli e canti tradizionali dall’artista cariatese Sina Scigliano, la singolare iniziativa, sostenuta dal responsabile del reparto dottor Gaetano Cucinotta, ha riscosso moltissimi consensi, soprattutto tra i degenti, i medici e i paramedici che hanno preso parte all’inaspettata e rilassante pausa. “Abbiamo cercato far dimenticare per un po’ – ha affermato Rachele Russo, una delle volontarie – lo stato di sofferenza e di solitudine che spesso la malattia comporta; il momento più bello è stato quando i pazienti, commossi ed emozionati, ci hanno ringraziato chiedendo la data del prossimo incontro”. Ma non è la sola iniziativa dell’Avo cariatese. Il 15 agosto scorso, in un contesto di gemellaggio con il gruppo di San Giovanni in Fiore, un’analoga serata si è svolta nell’ospedale della città gioachimita. La sezione Avo di Cariati, presieduta dalla professoressa Rossella Scigliano, è ormai un’importante realtà, sorta sette anni fa quando il locale presidio ospedaliero era il fiore all’occhiello della sanità calabrese per efficienza e accoglienza; in questi anni ha svolto un servizio prezioso a favore degli ammalati in attesa di una parola gentile, di un gesto d’amore, di un bicchiere d’acqua donato con un sorriso. Il suo primo responsabile, Danilo Ferigo, oggi è presidente regionale di quella che rappresenta una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario, presente sul territorio nazionale con 217 sedi riunite nella Federavo e circa 27.000 volontari. “Può fare parte dell’associazione – ha precisato la professoressa Scigliano – chiunque abbia il desiderio di mettere a disposizione degli ammalati degenti negli ospedali parte del proprio tempo libero”. Un servizio non certo improvvisato perché i volontari vengono preparati a svolgere al meglio il proprio ruolo. Per loro è partito, il 15 ottobre scorso, un corso di formazione di dieci lezioni che vedrà la sua conclusione il 14 novembre prossimo. I diversi incontri si svolgono con il contributo di relatori impegnati sul campo, come Danilo Ferigo, i medici Gaetano Cucinotta, Margherita Bovino, Nicola Cosentino, Pompea Acri, Luciana Scattarella, la psicologa Clelia Caprio, le volontarie Rossella Scigliano, Rachele Russo, Loredana Paola, Rossella Graziano, il sacerdote cappellano don Angelo Bennardis. Le tematiche scelte spaziano dai problemi psico-affettivi dell’anziano, all’attenzione verso il malato dializzato, alla riabilitazione del paziente demente, alle infezioni dell’anziano, ai problemi del cardiopatico anziano e alla Sindrome da Immobilizzazione, senza trascurare l’aspetto psicologico e la dimensione della Carità come atto d’amore del volontario ospedaliero. Intanto, il geriatra e responsabile del reparto di assistenza medicalizzata, dottor Gaetano Cucinotta, sta lavorando, sempre in collaborazione con l’Avo, su un nuovo progetto rivolto, questa volta, ai malati di Alzheimer.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta