CALCIO: Un Cariati con la voglia di ritornare a vincere.

Domenica scorsa il Cariati voleva vincere contro la compagine del Sant’Anta Sofia D’Epiro per consolidare il suo primato in classifica, ma quando la dea bendata dice no non c’è nulla da fare. Una netta supremazia territoriale, almeno dieci palle-gol mancate clamorosamente dagli avanti azzurri, numerosi interventi prestigiosi da parte del portiere ospite Lanzellotta e, persino, un arbitraggio a dir poco sconcertante (il direttore di gara, il crotonese Scito, ha negato alla compagine di casa due sacrosanti rigori) non hanno permesso al Cariati di conseguire la tredicesima vittoria stagionale. L’amarezza, che a distanza di cinque giorni, ancora serpeggia tra i giocatori, lo staff tecnico, la dirigenza ed i tifosi è ancora tanta, di sicuro, però, c’è la coscienza che si sta lavorando bene ed i frutti si stanno vedendo ed anche domenica scorsa si è potuto vedere quanto è valida la squadra del trainer Vincenzo Filareti. Degli ospiti si può ben dire che sono una compagine quadrata e meritano la posizione che attualmente occupano in classifica generale, ma va detto, però, che sono stati aiutati molto dalla dea bendata. “Partita stregata, ha puntualizzato, a fine gara, il presidente Sabatino Tosto, secondo me sicuramente la più bella partita giocata in casa, però alla fine non siamo riusciti a realizzare tutto quello che abbiamo prodotto nei novanta minuti di gioco. Comunque va bene lo stesso, abbiamo giocato contro una squadra importante, costruita sicuramente per fare un ottimo campionato. Per noi i tre punti erano fondamentali, conclude il patron del Cariati Calcio, Sabatino Tosto, in quanto domenica, primo febbraio, ci aspetta una partita ostica esterna contro la formazione del Casali Presilani che lotta per la salvezza, sarebbe stato indispensabile, perciò,ottenere i tre punti, ma, purtroppo, è andata così”. Casali Presilani – Cariati, una gara, quella del primo febbraio, tutt’altro che facile. Un risultato per nulla scontato. Parte da queste due considerazioni la vigilia della partita esterna del Cariati contro la compagine di mister Sidoti. Per tutta la settimana Vincenzo Filareti ha preparato la gara nella consapevolezza che i ventuno punti in classifica del Casali presilani, frutto di cinque vittorie, sei pareggi nonché di sei sconfitte, non dicono tutta la verità su quella che è l’effettivo valore tecnico dei ragazzi di Sidoti. Per Raffaele Apicella, capocannoniere del girone con 19 reti, e compagni la gara di domenica pomeriggio è quella che dovrà inevitabilmente rimettere in corsa la compagine azzurra, se non si vuole perdere il comando della classifica. Il pareggio inerno contro la compagine del Sant’Anta Sofia D’Esaro ha di fatto rallentato la cavalcata del Cariati. Da qui la necessità per Apicella e compagni di andare a conseguire il successo pieno nel pomeriggio del primo febbraio. ”Se scenderemo in campo, ha dichiarato il bomber Raffaele Apicella, con la giusta determinazione il tredicesimo successo stagionale certamente non ci sfugirrà”. Per la partita di domani contro la compagine del Casali Presilani il tecnico Filareti ha convocato i i seguenti venti calciatori: Curatolo, Straface, Scarpello, Graziano, Pugliese, Iooele, Varquez, Tranquillo, Ferrentino, De Giacomo, Apicella, Campana, Torchia, Russo, Filareti, Brillante, Le Voci, Fazio, La Via e Blaconà.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta