CALCIO Prima categoria: S. ANNA – CARIATESE 8-1. Ci vuole al più presto un cambio di rotta, il nome della cariati calcistica, non può essere offuscata.

Marcatori: 17’ Samache, 20 Guarino, 24’ Leone, 44’Condello, 64’ Maiolo, 66’ De Marco, 67’ Caruso su rigore, 82’ e 88’ Samache. S.Anna: Caterisano 6, Stillitano 6, De Marco 6,5, Campo 6,5, Maiolo 7, Venneri 6,5, Guarino 7, Condello 7, Samache 7,5, Petrocca 6,5, Lone 7 Cariatese : Lepere 6, Cariglino 5, Brunetti S.5, Ciccopiedi 5, Brunetti G 5, Riolo 6, Caruso 6, Gentile 5. Arbitro: Apicella di Catanzaro 6 La formazione del S. Anna affonda la rimaneggiata Cariatese, scesa sul rettangolo di gioco con soli otto ragazzini inesperti, con irrisoria facilità, al termine di una gara senza storia e che la formazione crotoniate controlla e gestisce a suo piacimento, superando,così, agevolmente il turno di Coppa Calabria. I giovanissimi di mister Franco Caruso, sebbene in netta inferiorità numerica, in quanto scesi sul terreno di gioco “Rocco Leone” con soli otto sprovveduti ragazzi, hanno tentato vanamente di resistere al gioco offensivo della compagine di casa. I ragazzi di mister Franco Caruso hanno, purtroppo vagato come degli automi per i 90’ minuti di gioco, effettuando i primi tiri nello specchio della porta avversaria solo sul finire del primo tempo e siglando il gol della bandiera con il giovanissimo Caruso su calcio di rigore al 67’ di gioco. La Cariatese fa ben poco per riscaldare l’ambiente perché ripropone già ad inizio di partita i problemi evidenziati nelle partite precedenti di campionato: carenza di preparazione tecnico-tattica e un gioco confusionario, approssimativo e senza schemi di gioco. La goleada subìta contro il S. Anna sembra che abbia spinto i responsabili della Cariatese a prendere delle decisioni in merito, in quanto la gloriosa Cariatese non può andare incontro a simili disfatte. Da fonti attendibili apprendiamo che la Società sarà, nei prossimi giorni, tonificata da nuovi componenti, rinforzata con elemeti giovani di categoria, con l’unico obiettivo di disputare un campionato dignitoso che possa al termine del torneo raggiungere una più che onorevole salvezza. Il nome di Cariati Sportiva non può e né deve essere offuscata da un gruppo di giovani inesperti e privi di qualità tecniche. Nei prossimi giorni si prevede il cambio di rotta, che dovrebbe ridare alla cittadina di Cariati dignità e quel gioco che i tanti sportivi locali certamente meritano.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta