Botti di fine anno, contro il sindaco di Cariati, da Mario Sero a proposito del messaggio video di qualche giorno fa.

IL SINDACO DI CARIATI : FARNETICA!!! continua a minimizzare su tutto, intanto ha distrutto CARIATI Cariati? isola felice, nessun problema di natura politica , nessun problema gestionale, tutto funziona, tutto è in ordine; è questo, in sintesi, il messaggio video del primo cittadino di Cariati ; per Filippo Sero la restituzione delle deleghe assessorili di Sergio Salvati non rappresentano un problema ; la maggioranza (ormai risicata) è ben salda e compatta ! anzi, a suo giudizio, Salvati è parte integrante della “combriccola” (tanto da non convocarlo e da non comunicargli il differimento del consiglio comunale); per Filippo Sero non esistono problemi sui tributi locali , presto il comune di Cariati incasserà milioni di euro dai “morosi” (cittadini Cariatesi) e presto riorganizzerà l’area finanza/tributi dell’Ente; dimentica, però, l’incauto primo cittadino che è stato egli stesso a cancellare l’area tributi del comune (anno 2009); dimentica di aver letteralmente regalato milioni di euro alla SOGEFIL…. a proposito caro Sindaco hai provveduto a denunciare penalmente la SOGEFIL oppure l’indebita appropriazione di sette milioni di euro, dalle casse comunali, non costituisce reato per il tuo personale codice penale??? Per Filippo Sero i lavori del mercato ittico procedono meravigliosamente; dimentica però che la struttura doveva essere completata e consegnata ad agosto del 2012 così come dimentica che il comune dovrà pagare ingenti somme, sia legali che risarcitorie, alle imprese; ovviamente confidiamo nella clemenza della Regione Calabria perché se dovesse revocare il finanziamento allora saranno cavoli amari; per Filippo Sero il problema dell’immondizia presto verrà risolto…l’ufficio tecnico sta predisponendo una gara per l’affidamento del servizio di raccolta; qualcuno ci spieghi come farà a pagare oltre 1.500.000,00 di euro alle ditte( sibaritide, axa, iripino e marchese) che hanno abbandonato il servizio? e qualcuno ci spieghi perché il comune di Cariati non ricicla, non differenzia….eppure abbiamo la bandiera blu!!! Per Filippo Sero lo stadio del Varco non è stato consegnato (a suo tempo) per colpa dei “vandali ed ,in ogni caso, la competenza è o non è della Provincia di Cosenza? ; dimentica che la struttura insiste su terreno comunale e che avrebbe dovuto servire al rilancio della tradizione e passione calcistica della nostra cittadina ; il sindaco dimentica i comunicati stampa da egli stesso propalati in occasione dell’avvio dei lavori, i toni trionfalistici usati per incensare, se stesso, capace di attrarre finanziamenti di enti sovraccomunali (sic!!! ahahahah!!!); per Filippo Sero i problemi dei Terreni comunali, il piano spiaggia ed il PSA presto verranno affrontati e risolti; dopo sette anni, e una miriade di domande, il comune di Cariati è incapace di varare un piano spiaggia (solo perché i medesimi lotti sono stati promessi a più richiedenti); dopo circa cinque anni ,e nonostante il cittadini abbiano versato 700.000,00 euro, neppure una domanda di legittimazione dei terreni comunali è stata accolta, perché!!! PSA? lasciamo perdere… Per Filippo Sero esiste un problema di viabilità….in sette anni non è stato capace di bitumare o scarificare neppure un centimetro di strade comunali forse perché ha preferito dilapidare ingenti risorse in “tarantelle, feste, mangiate ed abbuffate”??? quanto alla riorganizzazione degli uffici, da avviare ovviamente al settimo anno del suo mandato, sono curioso di vedere all’opera il consigliere delegato (Leonardo Trento) ; sono curioso di assistere alla decapitazione di qualche testa “dirigenziale” (area tecnica e finanziaria per tutte?); al Consigliere Trento in maniera diretta suggerisco : poni fine a questa esperienza ammnistrativa, assumiti le tue responsabilità…..per il bene di Cariati!!! Al sindaco di Cariati chiedo : evita di sfuggire e di raggirare i problemi, risolvili tutti in un solo colpo : D I M E T T I T I !!! Mario Sero

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta