BIO-POLITICA, LA PERSONA AL CENTRO

BIO-POLITICA, LA PERSONA AL CENTRO RIANIMAZIONE E APPROCCIO UMANO, ESPERTI A CONFRONTO ORGANIZZATO DA ASP,PATROCINATO DA ROSSANO E CERCHIARA ROSSANO (Cs) – Venerdì, 23 Settembre 2011 – Rianimazione, stato attuale dei reparti in Italia ed importanza dell’approccio medico nelle relazioni, ponendo sempre al centro la persona. Non soltanto nel campo della medicina, ma anche e soprattutto nella Politica. Anzi, nel complesso clima di crisi attuale, è quanto mai opportuno e stimolante parlare di bio-politica. E’ stato, questo, il messaggio forse più importante emerso nell’importante evento scientifico e culturale ospitato nel pomeriggio di ieri, giovedì 22 settembre, nella sala rossa di Palazzo San Bernardino, nel centro storico. Organizzato dall’ASP di Cosenza, l’interessante convegno, “RISVEGLI: LUOGHI, PERSONE, TESTIMONIANZE”, è stato patrocinato, in partnership, dalle due amministrazioni comunali di Rossano e di Cerchiara. Al convegno, moderato dallo psicanalista Luigi NIGER, hanno partecipato, inoltre, il sindaco di Cerchiara, il Dott. Antonio CARLOMAGNO, don Antonio MARTELLO e il Dott. Saverio SALITURI Direttore unità ospedaliera cardiologia Utic. A portare il saluto del Sindaco Giuseppe ANTONIOTTI, assente per concomitanti ed improrogabili impegni istituzionali, e dell’Amministrazione cittadina, l’Assessore alla cultura Stella PIZZUTI. Hanno relazionato, infine, il Dott. Giuseppe Angelo VULCANO, responsabile del reparto di Anestesia-Rianimazione; il Dott. Guido BERTOLINI dell’Istituto “Mario Negri” di Milano; la Prof.ssa Antonia ARSLAN, docente di letteratura italiana all’Università di Padova e autrice del libro “ISTHAR 2. CRONACHE DAL MIO RISVEGLIO”, edito da Rizzoli. Due le tematiche essenziali affrontate: lo stato attuale dei reparti di rianimazione in Italia e l’importanza delle veridicità degli approcci in ogni declinazione delle relazioni umane. E’ importante che il concetto di persona sia sempre al centro delle relazioni – ha detto l’Assessore PIZZUTI – nel campo della medicina come in quello della politica: oggi sarebbe opportuno parlare di bio-politica, perché soprattutto in un periodo di crisi e di recessione, quale stiamo vivendo, è dovere inderogabile degli amministratori porre al centro la ricerca del bene comune. Coinvolgente e interessante, tra gli altri, l’intervento della professoressa Antonia ARSLAN, che è riuscita a rapire i presenti raccontando le emozioni vissute durante i suoi venti giorni del suo stato di coma.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta