AEROPORTO SIBARI,BASTA POLVERONI CAPUTO: NESSUNO L’HA TOLTO DALL’AGENDA REGIONALE 26 MLN DI EURO PER SS106 SIBARI-CROTONE

AEROPORTO SIBARI,BASTA POLVERONI CAPUTO: NESSUNO L’HA TOLTO DALL’AGENDA REGIONALE 26 MLN DI EURO PER SS106 SIBARI-CROTONE DICHIARAZIONE On. GIUSEPPE CAPUTO REGGIO CALABRIA, Martedì 12 Aprile 2011 – Trasporti ed infrastrutture, nessuno ha mai detto, né il sottoscritto, né il Presidente SCOPELLITI, che il progetto di un nuovo aeroporto a Sibari non sia incluso nell’agenda di governo di questo esecutivo regionale. In più occasioni, con grande chiarezza e senso di responsabilità, è stata detta e spiegata un’altra cosa. E’ stato fatto un altro ragionamento che, evidentemente, da qualche parte non si vuole capire né accettare, ma per ragioni che, a questo punto, esulano dal buon senso e restano impigliate in riduttive visioni di parte o di campanile. Rispetto alle intenzioni dei vertici dell’ENAC, rese pubbliche qualche settimana fa, di voler procedere alla chiusura, per ragioni di non auto-sostenibilità economica, di ben undici scali aeroportuali nazionali, tra i quali anche il S.Anna di Crotone ed il Tito Minniti di Reggio Calabria, il Presidente SCOPELLITI si sta ponendo, oggi, un altro problema o, se si preferisce, un’altra priorità: e cioè, allo stato attuale e nelle condizioni nazionali date, come migliorare e potenziare accesso, fruibilità e bacino dei tre esistenti scali calabresi. E’ esattamente in questa ottica, lungimirante, che unendo risorse regionali, nazionali e comunitarie, il Presidente SCOPELLITI ha destinato ben 177 milioni di euro per Lamezia, Reggio e Crotone. Allo stesso tempo, proprio per evitare di vanificare gli sforzi e gli investimenti in questa direzione, sono stati individuati e messi a disposizione ben 26 milioni di euro, anche attraverso la partecipazione dell’Anas, per mappare ed eliminare le principali criticità esistenti sulla SS106. L’obiettivo è quello rendere più sicuro il collegamento esistente tra la Sibaritide e gli scali di Crotone e di Lamezia. Questa attenzione della Regione Calabria rispetto all’esigenza storica di potenziare la mobilità nell’area della Sibaritide, non soltanto è nuova, diversa e più efficace rispetto allo stallo ed alle promesse del passato ma non può assolutamente essere oggetto di equivoco, strumentale e politico. Migliorare la sicurezza della SS106 e, su altro versante, investire, oggi, risorse per evitare che la Calabria possa correre anche soltanto il rischio di vedersi chiusi due scali aeroportuali esistenti, nel confronto serrato con i preposti enti nazionali e con il rispetto di parametri economici nazionali ed europei che non possiamo modificare a nostro piacimento, non vuol dire affatto cancellare il progetto di un quarto aeroporto calabrese dall’agenda del governo regionale. Chi sostiene questa tesi mente sapendo di mentire e tenta, forse, di creare polveroni ed allarmismi, assecondando però altri interessi, che non sono quelli generali di tutti i calabresi. In questa rinnovata attenzione dell’Esecutivo SCOPELLITI rispetto ai gravissimi gap infrastrutturali che la Sibaritide eredita da decenni di disattenzioni a vari livelli, va letto anche il progetto, sul quale sono impegnato insieme alla Vicepresidente Antonella STASI, di arrivare in prospettiva alla realizzazione della metropolitana leggera Sibari-Crotone, che potrà di fatto rappresentare, insieme ad una urgente rivisitazione del piano trasporti per questa zona, una alternativa utile e sostenibile per garantire a cittadini, imprenditori e turisti, quelle opportunità di movimento, crescita e sviluppo fino ad oggi negate.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta