A 40 giorni dal voto ci saranno altri colpi di scena?

Perché il Movimento Civico “Giovane Cariati” ha deciso all’unanimità, dopo un lungo incontro, così come recita il comunicato stampa, di “slegare” l’alleanza con la coalizione PD – La Scelta per il candidato a Sindaco Alfonso Cosentino?
Quali le ragioni che hanno portato all’inaspettata separazione? Eppure il Movimento é stato sin dall’inizio un alleato storico della formazione PD – La Scelta.
A questo punto, é possibile – sempre che il Movimento Civico “Giovane Cariati” non siglerà altro accordo con le restanti formazioni – che nella scheda della competizione elettorale del 5 giugno gli elettori si ritroveranno un quarto candidato alla carica di Primo cittadino.
Uno scenario che al solo pensiero é da brividi, se si pensa a quanto si frantumerebbe il voto in un contesto “piccolo” quanto la comunità cariatese.
Certo l’uscita del suddetto Movimento dalla coalizione PD – La Scelta di conseguenza potrebbe portare anche a un indebolimento della stessa, in termini di consenso elettorale.
Solo nei prossimi giorni, attraverso un ulteriore comunicato ufficiale, si conosceranno le ragioni del dissenso da parte della “Giovane Cariati” e quali orizzonti la giovane formazione intenderà percorrere.
Nel frattempo, sembra che per un forte dissenso nell’ambito di “Cariati Pulita”, che sostiene il candidato a Sindaco Assunta Scorpiniti, un certo numero di simpatizzanti della formazione ha deciso di abbandonare la stessa, lasciando un vuoto di non poco conto.
Anche in questo caso non si conosce cosa faranno i fuoriusciti. Se abdicheranno dalla competizione o busseranno alle altre porte. Sempre che queste siano disponibili ad aprire.
Siamo a meno di quaranta giorni dalla data fissata per le elezioni amministrative e a dieci giorni dalla scadenza per la presentazione delle liste elettorali. Mi viene da pensare che il rischio che si corre e di assistere forse a qualche altro colpo di scena.
Non so se augurarcelo nell’interesse generale di Cariati o, senza dubbio, meno!!
Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta