UNIONE CIVICA CARIATI NEL CUORE

UNIONE CIVICA CARIATI NEL CUORE IL CAPOGRUPPO MARIO SERO COMUNICATO STAMPA DEL 23.11.2011 La situazione finanziaria del comune di Cariati, ossia il suo tracollo, è ormai irreversibile ed imminente ; continuano ad essere notificati al nostro ENTE pignoramenti anche per somme irrisorie; è un dato allarmante perché indicativo dello stato di insolvenza dell’Ente che non riesce neppure ad “onorare” debiti ammontanti a poche centinaia di euro; ad oggi,purtroppo, non ho ricevuto alcuna notifica in merito alla convocazione del consiglio comunale richiesto, assieme agli amici consiglieri di minoranza, in data 07.11.2011, ed avente ad oggetto la dichiarazione dello stato di dissesto; auspico che il Presidente del Consiglio provveda al più presto alla convocazione, nel rispetto dei tempi previsti delle norme del T.U.E.L.,statutarie e regolamentari; sia chiaro che non accetteremo ritardi,rallentamenti o azioni dilatorie nella azione politica intrapresa di voler “commissariare” le finanze del nostro Ente dopo anni di saccheggi e dilapidazioni di risorse in spese I.D.V.( inutili,dannose e voluttuarie), dopo anni in cui non vi è stato, da parte di chi ci amministra, nessuna decisione strutturale tendente ad invertire il trend negativo della evasione ed elusione dei tributi locali, aggravati da una affrettata esternalizzazione del servizio ; dopo anni di “anarchia” all’interno della macchina comunale, non riorganizzata, è giunto il momento di passare dalle parole ai fatti e ripartire da zero ripianando i debiti del nostro Ente che, di fatto, impediscono ogni progettualità politica presente e futura; auspico,per il bene della nostra collettività, che il responsabile dell’area finanziaria ed il revisore contabile dell’Ente siano sereni, obiettivi,equidistanti e certifichino, senza compromessi o pressioni, la reale situazione delle Finanze dell’ENTE sulla nostra proposta di deliberazione ; auspico che i nuovi consiglieri ed assessori comunali prima di esprimere il loro voto in consiglio si documentino perché la “ situazione” è maledettamente seria; sia chiaro,infine, che la nostra azione politica non si fermerà alla sola deliberazione consiliare ; Mario Sero

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta