stipendi ai dipendenti comunali: tutto regolare per l’assessore Strafaci

CARIATI – “Gli stipendi ai dipendenti comunali sono stati pagati regolarmente”. È la perentoria smentita dell’assessore comunale al bilancio, Domenico Strafaci, alle affermazioni del capogruppo consiliare del Partito democratico Mario Sero che, attraverso una nota stampa, aveva stigmatizzato i ritardi nella corresponsione degli emolumenti. ”Mario Sero – commenta Strafaci – preferisce la demagogia al confronto perché non sa di cosa parla. Il suo tentativo, strumentale, è ancora una volta destinato a cadere nel vuoto. Egli tenta, infatti, di far passare, quello che è stato un mero disguido tecnico verificatosi nel mese di Marzo quasi come una costante nei pagamenti ai dipendenti. Non è così, tanto è vero che, per il pagamento delle mensilità di aprile, gli stipendi sono stati erogati con assoluta tempestività. Sono stati rimessi alla tesoreria nella giornata di Lunedì 26 Aprile e già stamani, Mercoledì 28, sono in pagamento. Ripeto, non capiamo di cosa stia parlando il consigliere di opposizione, nel suo sistematico tentativo di dipingere e propinare inesistenti realtà a tinte fosche”. Per quanto riguarda il ricorso all’anticipazione di cassa, Strafaci rammenta che esso è utilizzato da tutti i comuni ed in tutti i periodi, incluso quello in cui l’assessorato ai lavori pubblici era gestito proprio da Sero medesimo: “In ogni caso, come abbiamo ribadito nel corso dell’ultimo consiglio comunale, resta altissima la nostra attenzione anche su questo fronte”. Per ciò che concerne i ritardi nei pagamenti alle imprese, Mario Sero “fa finta di non sapere ciò che il fenomeno, per nulla esclusivo del nostro comune, è raccontato ogni giorno su tutta la stampa nazionale e deriva soprattutto dal taglio dei trasferimenti dello Stato”. La bontà dell’azione amministrativa e contabile è certificata dal bilancio di previsione, licenziato (“Con buona pace del Sero”) dall’ultimo consiglio comunale.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta