SOLO DANNI PRODOTTI DALL’EX ASS. CRITELLI

SOLO DANNI PRODOTTI DALL’EX ASS. CRITELLI NESSUNA OPERA LASCIATA IN ITINERE NOI CINEMA, PORTO, SCOGLIERA E ASILO CARIATI (CS), Martedì 20 Aprile 2010 – La gran parte delle questioni aperte ereditate dal passato e dei problemi, anche e soprattutto in materia urbanistica, su quali tuttavia non abbiamo lesinato sforzi sin dall’inizio, sono addebitabili proprio alle inadempienze ed in qualche caso alle connivenze, dell’ex assessore, oggi consigliere di minoranza Tommaso CRITELLI. Egli dovrebbe pertanto avere il buon senso di tacere su tante cose, invece di ripetere un canto stonato, auto-dipingendosi sistematicamente di ridicolo di fronte a due dati sotto gli occhi di tutti: 1) il nulla prodotto sotto il suo assessorato e 2) il complesso di risultati prodotti da questa squadra amministrativa. Se gli interventi di riqualificazione, diversi, piccoli e grandi, messi in atto da questa Giunta fino ad oggi, che non soddisfano l’ansia di strumentalizzazione di cui vive, anche mediaticamente, il consigliere CRITELLI, vengono però paragonati allo zero assoluto del quale l’ex assessore si è reso protagonista, questi nostri anni di governo assumono tutti i contorni di una svolta. Del resto, elenchi e dimostri il consigliere di minoranza quale opera, una soltanto, è stata lasciata in itinere – come falsamente sostiene. Una dicasi una. Lo dica. Come è noto, l’Esecutivo guidato da Filippo SERO non ha trovato nulla di tutto ciò, salvo opere lasciate nel più totale abbandono e che oggi, grazie alle capacità amministrative dimostrate nei fatti, rappresentano sì, delle opere pubbliche, fruibili, perché completate e consegnate alla comunità. Quattro su tutte, per citare le più importanti: il Porto, il Cinema Teatro, la scogliera a mare a difesa dell’abitato e, da ultimo, il famoso asilo nido che a breve sarà, anch’esso, inaugurato. QUESTI SONO FATTI. Non le balle di cui sparla il consigliere CRITELLI. Che trova pure il coraggio di parlare di abusivismo edilizio o di abbandono del centro storico, addebitando il nulla, anche in questo caso, all’attuale giunta. La polemica politica può consentire in taluni casi l’aggressione pretestuosa, ma quando si tenta di negare ogni evidenza, non si fa altro che apparire ridicoli. E’ bene che s’informi, il consigliere, ad esempio, sul piano di verifica relativo a tutti gli abusi edilizi, stratificatisi negli anni e sul quale questa, non la sua amministrazione, è impegnata in coordinamento con la Procura della Repubblica di Rossano. S’informi, prenda nota e si taccia. Perché, a differenza del deserto e della latitanza registrata sotto il suo assessorato, il Comune oggi è attento, consapevole ed interverrà, d’intesa con i soggetti coinvolti, per acquisire al patrimonio comunale o per demolire. È un procedimento trasparente. Analogamente, per il centro storico. Non c’è stato periodo con analoga attenzione dimostrata sul borgo medioevale, tanto in termini di interventi di riqualificazione così come di attenzione culturale. CRITELLI dovrebbe soltanto prenderne atto. Evitando ricostruzioni bugiarde e dipingendo irresponsabilmente Cariati come il peggior comune del territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta