RIQUALIFICAZIONE URBANA, DEMOLIRE EDIFICI FATISCENTI

INIZIO LAVORI PER LA FINE DI FEBBRAIO

Riqualificazione del centro storico, la ditta Impresa VONA di Petilia Policastro si è aggiudicata la gara per il lavori di demolizione che interesseranno le abitazioni fatiscenti su Corso Lilio. L’asta è stata vinta con un ribasso del 34,74%. La Giunta ha impegnato per il progetto 302mila euro dalle royalties percepite dall’estrazione del metano.

È quanto fa sapere il vicesindaco Francesco PALETTA che prospetta l’inizio dei lavori per la fine di febbraio.

Gli edifici che verranno abbattuti – dichiara il vicesindaco – attualmente nascondono il perimetro del castello CARAFA. Demolirli significa ridare respiro a questo prestigioso monumento medievale, riqualificando l’intera area. Un progetto – conclude PALETTA – che si inserisce in un quadro più ampio di iniziative volte alla valorizzazione del patrimonio locale. L’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Mario CARUSO continua a muoversi sulla strada della riqualificazione del centro storico e sulla valorizzazione, fruibilità e comunicazione del complessivo patrimonio identitario.

Diversi altri lavori pubblici sono stati prefissati nella ripartizione delle royalties; dall’urbanizzazione della località Paradiso, agli investimenti per la toponomastica del centro abitato; dagli interventi sulle strade comunali rurali, alla bonifica dei tetti in amianto; dai lavori per il campetto da calcio Sant’Elia di località Madonna di Pompei (e non per il Campo da calcio Ottaviano Malena, come erroneamente pubblicato in un articolo apparso nei giorni scorsi), a un nuovo arredo urbano un’area verde nella zona San Gaetano; dalla messa in sicurezza della strada provinciale 10 in località Campanise, ai lavori per la strada comunale che porta alla zona Marinella; dalla sistemazione del muro di viale Pugliese a vari interventi in materia ambientale. – (Fonte/Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta