RIAPERTURA OSPEDALI, SUBITO MODIFICA DCA 64 E DM 70

????????????????????????????????????

COMUNICATO STAMPA N.298/2020

Graziano sulle dichiarazioni del Commissario Longo: «Potrebbe essere la strada giusta. Vigileremo»

COSENZA – Martedì, 27 Aprile 2021 – «La riapertura dell’ospedale di Cariati sarà inserita nel Piano regionale di programmazione della rete ospedaliera 2022/2024. Mentre la riapertura degli ospedali di Trebisacce e Praia a Mare sarebbe praticamente cosa fatta. Lo ha detto il Commissario ad acta della Sanità, Guido Longo. Che ieri pomeriggio (lunedì 26 aprile) rispondendo ad una mia specifica domanda in aula sulla sorte degli ospedali periferici chiusi ha annunciato questa nuova determinazione. Stando alle sue parole è sicuramente una grandissima notizia per la Calabria e per la provincia di Cosenza che oggi può e deve prendere forma partendo da alcune azioni propedeutiche alla elaborazione del nuovo programma biennale. Due su tutte: la modifica del famigerato Decreto 64/2016, varato dall’allora commissario Scura, e del Decreto ministeriale 70/2015 che di fatto hanno posto una pietra tombale sulle sorti del presidio cariatese. Ci sarà la volontà di fare questo? Vedremo. È chiaro che rimarrò attento e vigile». 

È quanto dichiara il Presidente dell’UDC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, esprimendo soddisfazione per gli impegni assunti dal Commissario ad acta per la Sanità in Calabria, il prefetto Guido Longo, in materia di assunzione di nuovo personale sanitario e sulla riapertura dei presidi sanitari soppressi, tra i quali quello di Cariati, nel corso del Consiglio regionale celebratosi ieri pomeriggio a Palazzo Campanella. 

«In apertura dei lavori dell’Assemblea – aggiunge Graziano – ho chiesto al prefetto Longo quali fossero le intenzioni della struttura commissariale per assicurare nuovo personale all’apparato sanitario regionale, in continua agonia e massacrato dall’emergenza Covid, atteso che il Governo per il solo 2021, attraverso il Decreto Calabria bis ha messo a disposizione della struttura commissariale regionale ben 12 milioni di euro per procedere a nuove assunzioni. Finora non è stato fatto nulla ma ieri Longo ha assicurato che a breve saranno assunti ben 690 tra medici e personale sanitario. Anche in questo caso vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni anche perché lo stesso Longo ha precisato che è pronto a tagliare teste se non verranno rispettati gli impegni».

«Sarà così anche per gli ospedali soppressi? Ho chiesto in aula quali siano le intenzioni a riguardo e mi è stato risposto che c’è l’intenzione, quasi immediata, di riaprirli. A partire da quelli di Trebisacce e Praia a Mare per i quali vige già una sentenza del Consiglio di Stato che ne ha già decretato la riattivazione, per finire al presidio di Cariati. A proposito, le parole del Commissario Longo sono state chiare ed inequivocabili e mirano ad una riapertura del presidio “Cosentino” senza se e senza ma. Con una motivazione chiara “le Case della Salute – parole del Commissario – così non significano niente. O li trasformiamo in presidi sanitari o vanno chiusi. E questo non è possibile”. Confidiamo negli impegni assunti dal Commissario ad acta e per noi sono la parola d’onore dello Stato. Ancor più perché ha precisato che questa intenzione sarà formalizzata nel prossimo Piano regionale di programmazione della rete ospedaliera 2022/2024. Prima di far questo, però, sarà necessario modificare il Decreto ministeriale 70 ed Decreto 64/2016 dell’allora Commissario Massimo Scura che aveva escluso Cariati dalla rete ospedaliera. E quello strumento è tutt’ora vigente. Il primo e principale impegno, quindi – conclude Graziano – è quello di apportare subito le modifiche a questi due documenti per arrivare, così, preparati all’auspicabile riattivazione del presidio».

©CMPAGENCY 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta