Questione Tributi:Tutti colpevoli, Tutti innocenti..Nessun carnefice ed una vittima: la gente onesta.

Sulla questione riguardante i tributi, dopo il consiglio comunale di giorno 17 Aprile 2012, la maggioranza ha dichiarato che l’affidare, o se si vuole il riaffidare, la riscossione dei tributi alla So.ge.fil è stato un errore e l’intera vicenda rappresenta una brutta e squallida pagina della storia di Cariati.E questo i cittadini l’hanno capito da tempo, molto probabilmente perché, guarda caso, è sempre su di loro che ricade l’incapacità e la stoltezza che si libera nell’attuare certe scelte. Non è concepibile nemmeno il fatto di andare a ricercare colpe per una situazione finanziaria che è, a quanto pare, al collasso; altresì dopo il consiglio comunale di giorno 17 Aprile 2012 tra la maggioranza si cercava di sviare, di dilagare e di trovare giustificazione a una realtà che vede le casse comunali al collasso. Vogliamo ricordare che la scelta di esternalizzare la riscossione dei tributi è stata del tutto politica; va aggiunto che l’affidare il servizio alla So.ge.fil è stata ancor di più una scelta politica elettorale. E c’è da dire ancora che i problemi finanziari non sono del tutto finiti, perché sempre tra la maggioranza è emerso che ci siano altri soldi da recuperare e che l’area finanziaria del comune di cariati sia in forte affanno e in difficoltà. Rimane il fatto a questo punto che, non corra buon sangue tra i dirigenti dell’area finanziaria e l’attuale maggioranza; insomma da questo inizio di legislatura sono emersi diversi contrasti tra i dirigenti di diverse aree e i nostri amministratori.Durante la campagna elettorale, l’attuale maggioranza, che era in grandissima parte anche quella uscente, reputò già allora un errore l’aver affidato ad un ente esterno la riscossione tributaria, e promise, ai tanti sostenitori, che una volta rieletti avrebbero provveduto alla rescissione contrattuale che legava La So.ge.fil al Comune di Cariati.Eppure, con un tocco di magia, per le loro logiche elettorali e il voler tenere in pugno un bel pacchetto di voti anche questa volta, si è concesso alla So.ge.fil di prolungare il suo lavoro qui a Cariati: l’attuale Sindaco, invece di strappare il contratto con l’ente privato ha con esso “rimodulato” il rapporto: “per vincere, la So.ge.fil deve restare”, questa la verità, fino ad arrivare al collasso, fino ad arrivare all’assurdo in cui ora ci troviamo.Questa famosa “rimodulazione contrattuale”, evidentemente, non è servita ad un bel niente, ha solo peggiorato la situazione, con la conseguenza che, adesso, non si ha chiarezza nemmeno di quanti siano i soldi che il Comune deve recuperare!Una storia squallida, una grandissima fregatura per i cittadini onesti. Noi ci chiediamo 1) Perché non si è dato seguito alle promesse urlate dai palchi nel periodo elettorale? 2) Perchè , invece della rescissione contrattuale con la So.ge.fil, si è arrivati ad un nuovo fantomatico accordo con la stessa? 3)Perché, perseverando nell’errore, con la famosa rimodulazione di contratto che ci sarebbe stata, non si è impedito che i nostri soldi venissero depositati nei conti della So.ge.fil e non in quelli comunali?? 4) Perché non si ci preoccupa di riorganizzare l’area finanziaria in modo da gestire la riscossione in maniera diretta?E’ possibile che non si riesca ad attuare una lotta all’evasione seria che non coincida con una valanga di cartelle pazze e di fregature per i cittadini onesti? Si parliamo proprio di centinaia e centinaia di “cartelle pazze” arrivate ai cittadini cariatesi nel periodo tra il mese di dicembre 2011 e i primi giorni del mese di gennaio 2012 da parte della So.ge.fil!!! La maggior parte di tali avvisi erano nulli, poiché molti di questi erano stati in precedenza regolarmente pagati e gli altri nulli poiché difettati nella forma!! Noi, come associazione, nel periodo delle cartelle “pazze”, abbiamo avviato, nel nostro piccolo, una consulenza GRATUITA ai cittadini, fornendo spiegazioni su ciò che gli veniva chiesto e aiutandoli a compilare l’eventuale autotutela dove fosse necessaria. Questo perché, il cittadino non poteva rivolgersi al comune per eventuali spiegazioni, in quanto esso stesso non aveva istituito nessun ufficio nell’area tributi che potesse dare le spiegazioni necessarie per far fronte a questa “emergenza” cautelativa!!! La cosa ancora più grave sapete qual è?? Che a tutt’oggi non si è avuta nessuna risposta alle istanze di autotutela presentate dai vari cittadini!! Cosa dovrebbero pensare i cittadini, di un gruppo di amministratori che ora deve pagare soldi e soldi di avvocati per recuperare le stesse tasse pagate da noi???? Dove sono finiti i nostri soldi? E’ possibile che siano in ostaggio su un conto corrente privato?Ma dove siamo arrivati? Perchè il Comune di Cariati non chiede il rendiconto a Equitalia? Esiste ed è mai esistito un assessorato al bilancio in questo paese, o la teoria è spendi e spandi senza logica e a pagare sono sempre gli stessi?? Ma una risposta a tutto ciò si avrà mai???

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta