QUALE AUGURIO PER IL 2015?

Avrei voluto fare ai miei ventiquattro lettori degli auguri ironici e divertenti, sul tipo: “auguriamoci che Ercole, il viticultore della pubblicità del San Crispino, sia più bravo a fare il vino che a recitare”; ma la tragedia della Norman Atlantic mi ha fatto passare la voglia di scherzare.

In quel naufragio ho visto l’’ennesima conferma dei vizi italici più avvilenti e umilianti: la superficialità e il pressapochismo.

Solo superficialità e pressapochismo spiegano come sia possibile che, nonostante gli avvertimenti ricevuti pochi giorni prima circa i malfunzionamenti a bordo, la nave sia comunque salpata. Solo superficialità e pressapochismo spiegano l’’incredibile impossibilità di sapere perfino quante persone s’’erano imbarcate per questo sciagurato viaggio.

Mi spiace doverlo dire, ma il comportamento corretto del comandante durante le fasi del soccorso a bordo non attenua le responsabilità -– sue e dell’’armatore – per aver sottovalutato i problemi della sua nave, problemi di cui era perfettamente consapevole. Certo, lui dopo -– diversamente dal mostruosamente superficiale e irresponsabile Schettino della Costa Concordia – si è comportato come doveva. Ma era prima che avrebbe dovuto comportarsi responsabilmente, fermando la nave fino a soluzione delle problematiche rilevate.

Dunque, cari amici di Cariatinet, il migliore augurio che possa fare a voi ed a me stesso per il 2015 è che finalmente coloro i quali a Cariati, in Calabria, in Italia – nella politica, nelle aziende, nelle famiglie, ovunque – rivestono posizioni di responsabilità, comincino, senza chiasso e senza esibizionismo, a comportarsi in modo coerente con i loro doveri.

Perché non è di eroi che abbiamo bisogno: abbiamo bisogno di persone serie.

Un felice 2015 a tutti.

Giuseppe Riccardo Festa

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta