Protestano le famiglie a Thurio

La paura è che il dramma vissuto nella terribile notte del 26 novembre possa ripetersi

Monta la protesta tra le famiglie sfollate di Thurio la contrada di Corigliano Rossano duramente colpita dalla esondazione del Crati nel novembre scorso a causa del cedimento dell’argine. 

Questa mattina le famiglie si sono radunate dinanzi allo spiazzo antistante la chiesa parrocchiale e minacciano di occupare la statale 106 se i rappresentanti del mondo politico, il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio in testa, non si presenteranno per assumere impegni precisi circa i lavori di definitiva messa in sicurezza degli argini.

La paura è che il dramma vissuto nella terribile notte del 26 novembre possa ripetersi. 

La manifestazione che in principio doveva essere semplicemente dimostrativa, con il passare delle ora sta assumendo la connotazione di una protesta forte e determinata.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta